Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ponfi da morso di zanzare nei bimbi"

La mia bambina di 3 anni recentemente è stata morsa ripetutamente sul viso da una zanzara durante la notte. Alla mattina il gonfiore era tale da cambiarle la fisionomia all'ospedale le hanno somministrato un antistaminico che in 2 giorni ha risolto la situazione. Però, ogni qualvolta viene morsa da zanzare i ponfi hanno un diametro di 3 cm e durano a lungo. Il mio timore è che crescendo possa avere una reazione allergica più forte magari al morso di api o simili. Ad oggi usiamo repellenti e una pomata cortisonica quando viene punta. Mi consiglia di effettuare le prove allergiche o ritiene sia ancora presto?

Le reazioni alle punture di zanzara sono di solito localizzate al punto in cui si è stati pizzicati. Le reazioni gravi con sintomi respiratori o cardiocircolatori sono conseguenze, per fortuna rare, di punture di api, vespe e calabroni. Non c'è correlazione tra la reazione locale, anche se intensa, alla puntura di zanzara e una futura allergia al veleno degli imenotteri. Provi, prima di ricorrere allo sciroppo antistaminico, ad applicare ghiaccio o impacchi freddi locali. Non si spaventi per le dimensioni del ponfo: non sono indice di gravità e sono molto più grandi nei bambini per le caratteristiche della loro pelle.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su