Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Pillola in caso di carcinoma dell'utero"

Dopo un carcinoma all'utero è possibile prendere la pillola anticoncezionale?

È noto, dai dati della letteratura, che l’utilizzo della pillola in età fertile riduce in elevata percentuale l’incidenza dei tumori dell’utero, così come di quelli dell’ovaio. Questo è però un fatto di prevenzione, che non riguarda invece la già avvenuta diagnosi e il trattamento del carcinoma dell’endometrio, dopo il quale il comportamento clinico è diverso. Infatti dopo un carcinoma dell’utero è in ogni caso controindicato l’uso della pillola anticoncezionale, qualunque sia l’approccio terapeutico conservativo utilizzato, anche si tratta di casi piuttosto singolari. Se l’utero fosse stato rimosso, come avviene nella gran parte dei casi, ovviamente la pillola non serve più.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su