RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Osteoporosi da anoressia e gravidanza"

Ho quasi 29 anni e in seguito a un periodo in cui ho sofferto di anoressia (per 4 anni circa) ho scoperto di soffrire di osteoporosi. Per un anno ho seguito una terapia con calcio carbonato e vitamina D3 e acido ibandronico che mi è stato sospeso ormai da un anno e mezzo per problemi alla mandibola. Al momento continuo la terapia solo con il primo farmaco, ma vorrei sapere quali sono i rischi di una gravidanza per me e per il bambino.

Il problema della anoressia è molto complesso anche nelle prospettive riproduttive future, come posto in questo quesito. Non si tratta solo di un problema ormonale, ma di un modo di vedere la vita, l’immagine di sè e il rapporto con il cibo, con tutti i suoi risvolti psicopatologici e psichiatrici. In ogni caso l’osteoporosi ne è una delle più frequenti conseguenze, anche perché più spesso l’anoressia viene in un momento della vita in cui l’osso è in formazione. Per rispondere alla domanda bisogna almeno valutare se ci sono le mestruazioni e se c’è l’ovulazione. Se tutto funziona bene le prospettive di gravidanza sono simili a quelle di ogni altra donna, pur considerando che comunque la gravidanza pone a rischio alcuni metabolismi, incluso quello del calcio che dunque va ben valutato anche con una mineralometria ossea a ultrasuoni. Tale esame è fattibile in gravidanza ed è innocuo. Se invece le mestruazioni non sono tornate e l’ovulazione non c’è, il problema diventa ancora più complicato e la sua soluzione va valutata in un centro per la fecondazione assistita.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su