Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Obesità con ipertricosi, come indagare le cause"

Ho 29 anni e sono affetta da obesità grave; ho iniziato a ingrassare durante gli anni dello sviluppo in contemporanea con l'avvento del primo ciclo mestruale e ho avuto sempre un ciclo molto abbondante della durata anche di 8-9 giorni; in più ho una sviluppata peluria sul viso. I medici consultati mi dicono che la causa di tali sintomi è dovuta all'obesità, ma da qualche tempo mi chiedo se non sia a causa dell'ovaio policistico. Ora vorrei sapere per determinare se io soffro di tale patologia quale è l'iter di esami che bisogna eseguire?

Le cause di una spiccata ipertricosi possono dipendere dall’ovaio, con patologie di vario tipo inclusa la micropolicistosi ovarica, ma anche dalle ghiandole surrenali o da altro ancora, inclusi i cosiddetti tumori funzionali, se la manifestazione fosse improvvisa e velocemente ingravescente. In questi casi è dunque corretta una valutazione endocrinologica complessiva, che permetterà poi di scegliere gli esami ematologici da fare. Essi dovranno indagare certamente FSH, LH, cortisolo, androstenedione, 17-OH-progesterone, testosterone, prolattina, 17-beta-estradiolo, progesterone, DHEA-solfato, eventualmente anche FT3, FT4, TSH. A questo potrebbero sovrapporsi valutazioni ecografiche della pelvi e delle ghiandole surrenali. La regia e la valutazione di questi esami vanno fatte dal medico endocrinologo.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su