Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Mountain bike o cyclette durante la gravidnza"

Pratico regolarmente mountain bike da due/tre anni e con il mio compagno abbiamo deciso di provare ad avere un figlio. Il continuare a praticare questo sport potrebbe influire negativamente durante il periodo in cui l'eventuale ovulo fecondato va a impiantarsi nella mucosa uterina? Nel caso poi di gravidanza in atto è sconsigliabile continuare a pedalare? A parte la possibilità di cadute e le vibrazioni/sbalzi se per tenermi in movimento usassi a casa una bici da spinning per delle sedute tranquille?

Praticare la mountain bike durante una gravidanza potrebbe essere sconveniente per le possibilità di cadute, per le vibrazioni e i sobbalzi dovuti alle sconnessioni del terreno per i traumi che il bacino e l’utero potrebbero riceverne. In particolare è assolutamente sconsigliato nel primo trimestre, quando la probabilità di minaccia d’aborto e di aborto spontaneo, è più elevata rispetto a quella della popolazione in generale, che si pone attorno al 15-20% delle gravidanze. Ciò vale comunque per tutti gli sport che possano implicare cadute, traumi o sforzi improvvisi ed eccessivi. Per contro praticare la bicicletta su strada o in casa, in modo tranquillo, senza eccessivo sforzo, può essere fatto senza rischi.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su