Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Mancato incremento di peso in bimba di 4 anni: può essere celiachia?"

Mia figlia ha 4 anni, pesa quasi 15 kg ed è alta 97 cm. Pur mangiando molto, non aumenta di peso. Non ha nessun tipo disturbo quale diarrea, mal di pancia, stanchezza ecc., ma vista la sua magrezza nonostante una buona alimentazione vorrei sapere se può essere affetta da celiachia.

La sua bambina ha un peso e un'altezza che rientrano nella norma per la sua età, anche se è tra i bimbi più minuti.

Per capire se la sua crescita è nella norma o meno, va valutato l'andamento nel tempo, per capire se la velocità di crescita è costante o se subisce dei rallentamenti. Inoltre, è importante conoscere l'altezza e la corporatura dei genitori per capire quale può essere la sua "genetica".

La celiachia è una condizione di intolleranza grave al glutine, ma la scarsa crescita è solo uno dei tanti sintomi. Se ne parla molto perché, fortunatamente, viene diagnosticata con molta più precisione rispetto al passato, ma un aspetto minuto senza alcun sintomo di alterata funzione intestinale non è di per sé significativo. Per diagnosticarla occorrono una visita dal pediatra di fiducia e accertamenti specifici.

Va assolutamente evitato di togliere il glutine dalla dieta senza aver effettuato una diagnosi corretta. Si rischia di misconoscere una forma grave o di privarsi inutilmente di alimenti importanti.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su