Pubblicità

Malattia di Crohn e gravidanza: cosa c’è da sapere

Se si soffre di questa patologia cronica, meglio programmare la gravidanza quando è in remissione.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti

Se si soffre di questa patologia cronica, meglio programmare la gravidanza quando è in remissione.

La malattia di Crohn rientra tra le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) che, come dice il nome, sono patologie caratterizzate da un processo infiammatorio cronico della parete intestinale. Fra queste ci sono anche la rettocolite ulcerosa (CU o RCU) e la colite indeterminata.

Colpiscono generalmente in età giovanile, maggiormente tra i 15 e i 30 anni. La malattia di Crohn può in teoria interessare tutto l’apparato digerente, dalla bocca all’ano. È una patologia cronica che può avere una predisposizione familiare, ma essere anche legata a una serie di fattori ambientali scatenanti, primo fra tutti il fumo.

Fertilità e malattia di Crohn

Una delle più grandi paure delle donne affette dalla malattia di Crohn è di non poter realizzare il sogno di diventare madri. Per fortuna, se gestite nel modo corretto, questa e le altre patologie infiammatorie croniche dell’intestino sono invece compatibili con la gravidanza.

Per quanto riguarda in particolare la malattia di Crohn, sembra che le pazienti affette siano caratterizzate da una fertilità ridotta rispetto alla popolazione sana femminile, ma le cause non sono ancora state chiarite.

Nessun rischio se la malattia è in remissione

La malattia, se in fase attiva durante la gravidanza, costituisce certamente un potenziale rischio per il nascituro. Per questo motivo è importante programmare la gravidanza durante la fase di remissione.

La presenza di uno stato infiammatorio acuto, infatti, aumenta il rischio di rottura delle membrane e distacco della placenta e dunque di possibile parto prematuro. Inoltre, è stata osservata una maggiore incidenza di nati sottopeso, correlata anch’essa allo stato di attività della malattia.

Se la malattia invece è in remissione clinica, la probabilità di condurre favorevolmente a termine la gravidanza e che il bambino sia sano è paragonabile a quella della popolazione generale. La gravidanza inoltre non influisce sul decorso della malattia, che anzi tende a rimanere nello stesso stato (di remissione o attività) presente al momento del concepimento.

Per quanto riguarda il rischio di trasmissione della malattia al nascituro, la malattia di Crohn, come le altre MICI, non sono considerate malattie genetiche trasmissibili, anche se alcuni studi hanno dimostrato una predisposizione familiare. Nel caso della malattia di Crohn esiste infatti un maggior rischio (pari al 5%) di sviluppare questa patologia se a soffrirne è un componente del nucleo familiare.

L’uso dei farmaci

I medicinali più utilizzati per contrastare le manifestazioni della malattia di Chron sono i cortisonici e gli immunosoppressori. La loro somministrazione può essere continuata anche in gravidanza, sul cui andamento non hanno alcun effetto, fatta eccezione per il metotrexate, sconsigliato durante la gestazione.

Da qualche tempo sono disponibili anche in Italia anticorpi monoclonali per la terapia della malattia di Crohn, che colpiscono in modo mirato determinate proteine coinvolte nel processo infiammatorio, prodotte dalle cellule del sistema immunitario. Non esistono però ancora studi sufficienti a dimostrare la loro tossicità o meno durante l’attesa: la loro somministrazione in gravidanza è quindi controindicata.

Per quanto riguarda gli esami strumentali, in gravidanza va evitata l’esposizione a raggi X, mentre la risonanza magnetica viene considerata sicura, così come gli ultrasuoni. Possono essere tranquillamente eseguite anche le ecografie.

Naturalmente la gravidanza va seguita sia dal ginecologo (con un particolare controllo ostetrico nel terzo trimestre) sia dal gastroenterologo, meglio se in contatto tra di loro.

Maria Eva Virga

Fotogallery

Gli esami in gravidanza

  • 1 fotolia 122058968 subscription monthly m

    Dal ginecologo tutti i mesi

    Le ultime linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità mettono l’accento sull’importanza di controlli periodici dal ginecologo, che da quattro passano a ben otto: il primo non oltre la dodicesima settimana, a cui devono seguire due visite nel secondo trimestre (alla 20a e alla 26a settimana) e ben cinque nel terzo. Gli esperti ritengono infatti che un maggior numero di contatti con il ginecologo siano necessari per monitorare e salvaguardare la salute della donna e del feto e fornire tutte le informazioni necessarie ai futuri genitori.

  • 2 fotolia 109044692 subscription monthly m

    Gli esami di laboratorio più utili nei nove mesi

    In tutti e tre i trimestri è bene sottoporsi a esami del sangue per valutare un’eventuale anemia o la presenza di malattie infettive come toxoplasmosi, rosolia, sifilide e HIV. Al primo controllo è opportuno che il ginecologo prescriva anche un esame del sangue per determinare il gruppo sanguigno e il fattore Rh e un esame delle urine e un’urinocoltura per verificare la funzionalità renale e la presenza di una eventuale infezione delle vie urinarie. All’inizio del terzo trimestre è opportuno invece sottoporsi a un tampone vaginale per la ricerca dello streptococco beta-emolitico gruppo B, un batterio che, se presente in vagina, può infettare il neonato durante il parto, causando infezioni anche gravi.

  • 3 fotolia 113777567 subscription monthly m

    Un’ecografia per ogni trimestre

    Le ecografie previste nei nove mesi di gravidanza sono tre, ma il loro numero può salire nel caso il ginecologo lo ritenga opportuno. La prima ha lo scopo di verificare l’attecchimento dell’embrione e per datare con precisione la gravidanza. Tra la 20a e la 22a settimana viene eseguita la cosiddetta “morfologica”, con l’obiettivo di valutare l'accrescimento del bambino e la conformazione dei suoi organi. Tra la fine del settimo e l’inizio dell’ottavo mese la gestante viene infine sottoposta a un’ultima ecografia per monitorare la crescita e il benessere fetale, la quantità di liquido amniotico, la funzionalità della placenta e la posizione del bambino in vista del parto.

  • 4 fotolia 92014401 subscription monthly m

    Diagnosi prenatale tra il primo e il secondo trimestre

    Sono diverse le opzioni fra cui scegliere per indagare la presenza o la probabilità di anomalie cromosomiche nel feto. La certezza può arrivare solo dalla mappa cromosomica, che è possibile eseguire mediante il prelievo di un campione di villi coriali (villocentesi, da effettuare fra la 10a e la 13a settimana) o di liquido amniotico (amniocentesi, tra la 15a e la 17a). Esiste anche la possibilità di scegliere un esame non invasivo, il cosiddetto test combinato, che permette di ottenere una stima del rischio di anomalie cromosomiche nel bambino grazie alla ricerca nel sangue materno di due proteine prodotte dalla placenta e l’esecuzione di un’ecografia per la misura della translucenza nucale (ovvero dello spessore di una raccolta di liquido presente a livello della nuca del feto).

  • 5 fotolia 7988585 subscription monthly m

    Screening per il diabete gestazionale nel secondo trimestre

    Anche a donne che non hanno mai avuto problemi di glicemia, in gravidanza può essere diagnosticato il diabete gestazionale, ovvero un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue che va oltre i valori considerati fisiologici durante i nove mesi dell’attesa. La diagnosi avviene mediante la cosiddetta curva da carico di glucosio, ovvero un esame della glicemia prima e dopo avere assunto 75 g di glucosio. Sarà il ginecologo a valutare se prescrivere alla propria paziente questo esame in base alla presenza o meno di alcuni fattori di rischio, come per esempio il riscontro di questa patologia in una precedente gravidanza.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE DONNA
Torna su