Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Macchie scure all'inguine dopo ceretta"

A distanza di due giorni da una ceretta inguinale ho fatto una doccia solare. Mi sono comparse delle macchie scure sull'inguine ancora oggi ben visibili. Sono andata in farmacia e mi hanno dato una crema schiarente all'uva ursina. Posso usarla senza problemi? Posso prendere il sole quest'estate? Inoltre subito dopo la doccia solare, sulle gambe avevo delle macchie che sembravano "disegnare" la circolazione sanguigna. Ora sono quasi scomparse, ma la pelle non è uniforme.

La depilazione tramite ceretta all'inguine provoca spesso una certa irritazione data la delicatezza della cute di questa regione. L'irradiazione UVA o UVB su zone infiammate stimola una maggiore produzione di melanina, con conseguente iperpigmentazione postinfiammatoria, che a volte si verifica anche senza esposizione a raggi UV. Queste macchie scure in genere sono sensibili a creme depigmentanti. L'uva ursina, in virtù del suo contenuto di arbutina, si può usare senza problemi: i suoi effetti schiarenti si manifesteranno nell'arco di uno-due mesi. Le creme a base di estratti di questa pianta contengono spesso filtri UVA-UVB, permettendo una prudente esposizione solare che altrimenti ne comprometterebbe l'efficacia. Gli effetti della dilatazione vascolare superficiale dovrebbero risolversi spontaneamente o con l'aiuto di una buona crema idratante-lenitiva.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su