Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Luce pulsata e nei"

Dieci giorni fa mi sono sottoposta a una seduta di luce pulsata alle gambe e probabilmente alcuni nei piccoli e piatti non sono stati coperti bene con la matita bianca o non coperti del tutto, proprio perché non grossi. Dato che già il giorno dopo ho notato che sono diventati di colore scuro e con bordi bruciacchiati, da allora lamento fitte alla gamba. Ho chiesto al centro se con il loro macchinario comunque i nei fossero protetti e se non avrei avuto nessuna conseguenza, ma mi hanno liquidato dicendo di no che non succede niente. Ora dato che non mi fido completamente della loro risposta chiedo a Lei se la luce pulsata sui nei può alterare la loro natura con conseguenze anche brutte. Inoltre vorrei capire se questi macchinari sono dotati di filtri.

Le apparecchiature a luce pulsata non sono tutte uguali. Il medico specialista è abilitato a usare quelle più potenti, mentre i centri estetici privi di assistenza o supervisione medica possono utilizzare macchinari non oltre un certo livello di potenza. Anche la qualità e la modalità di emissione della luce pulsata varia a seconda che si tratti di impianti di prima o ultima generazione, per cui possono essere necessari filtri per eliminare frequenze potenzialmente dannose per la cute. Non tutte le macchie o lesioni scure della pelle sono nei: questi devono comunque essere protetti con preparazioni schermanti. Le lesioni pigmentate assorbono la luce pulsata con conseguente accumulo di calore nel loro contesto (esattamente come succede per i peli scuri), tant’è che, con le dovute cautele, gli apparecchi di ultima generazione possono essere utilizzati per eliminare inestetismi pigmentari, previo accertamento della loro benignità. In conclusione è piuttosto difficile valutare le lesioni riferite in assenza di informazioni più dettagliate, comunque l’epilazione tramite luce pulsata è un trattamento che, se praticato da personale competente, non comporta rischi o effetti collaterali di rilievo.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su