Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Lupus eritematoso sistemico"

A mia mamma, di 51 anni, è stato diagnosticato un “lupus eritematoso sistemico”. Volevo delle informazioni più dettagliate in merito: questa malattia può comportare la morte? Si può conviverci e vivere una vita dignitosa? Con i farmaci che si usano per tenerla sotto controllo le macchie al volto scompariranno?

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia cronica infiammatoria autoimmune. In pazienti con una malattia autoimmune, il sistema immunitario non riesce a distinguere la differenza tra sostanze nocive e quelle sane. Il risultato è una risposta immunitaria iperattiva che attacca le cellule e i tessuti sani. Ciò porta a infiammazione cronica (a lungo termine). Può interessare la cute, le articolazioni, i reni e altri organi. La causa di fondo delle malattie autoimmuni non è completamente nota. Alcuni ricercatori ritengono che si verifichino dopo l’infezione con un microrganismo che assomiglia a certe proteine nel corpo. Le proteine sono successivamente scambiate per l’organismo e ingiustamente attaccate del sistema immunitario. Il LES può essere causato anche da alcuni farmaci. Può essere lieve o abbastanza grave. Colpisce nove volte più le donne rispetto agli uomini, può verificarsi a qualsiasi età ma appare più spesso nelle persone di età compresa tra 10 e 50 anni. I sintomi variano da persona a persona e possono andare e venire. La condizione può influenzare un organo o un sistema del corpo in un primo momento. Altri organi possono essere coinvolti in seguito. Quasi tutte le persone con LES presentano dolori articolari e la maggior parte sviluppa l’artrite. Le articolazioni frequentemente colpite sono dita, mani, polsi e ginocchia. Non esiste una cura per il LES. Il trattamento è volto a controllare i sintomi. I sintomi individuali determinano il trattamento. La malattia lieve che comporta lo sfogo cutaneo, cefalea, febbre e artrite richiede una terapia altrettanto lieve. Per determinare lo stadio di malattia è indispensabile una visita medica dettagliata.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo2

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

Torna su