Pubblicità

Ischemia

Consiste nella mancanza assoluta o parziale di sangue in un organo.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Ischemia cause sintomi terapie

Che cos’è

L’ischemia consiste nella mancanza assoluta o parziale di sangue in un organo: in sostanza deve essere presente una differenza più o meno grande tra la fornitura di sangue e la richiesta del tessuto per una sua corretta ossigenazione.

Va distinta dall’ipossia, cioè la mancanza di ossigeno, che in genere è legata a un problema dell’apparato respiratorio oppure alla carenza di ossigeno nell’aria inspirata.

Cause

L’ischemia è causata da problemi fisiologici o meccanici del sistema cardiocircolatorio. Le cause principali sono:

  • Aterosclerosi, cioè l’ostruzione del vaso sanguigno da parte di placche aterosclerotiche
  • Tromboembolia, cioè l’ostruzione del vaso sanguigno da parte di coaguli di sangue (emboli)
  • Tachicardia, vale a dire un battito cardiaco eccessivamente rapido che non consente un adeguato rifornimento di ossigeno ai tessuti del cuore, già sotto sforzo per il battito accelerato
  • Embolia gassosa, cioè l’ostruzione del lume del vaso da parte di coaguli gassosi
  • Vasocostrizione, si verifica quando c’è un restringimento vascolare funzionale causato da agenti di varia natura (freddo, stress, ormoni)

Lo sapevi che il pesce riduce il rischio di infarto? Leggi questo articolo.

Principali tipi di ischemia

L’ischemia cardiaca consiste in una riduzione della quantità di sangue che arriva al muscolo cuore e può portare all’infarto.

La causa principale è l’aterosclerosi, che si verifica quando si forma una placca all’interno dei vasi sanguigni.

Si manifesta con un forte dolore al petto che si diffonde a tutto il torace. In molti casi è accompagnato da difficoltà a respirare e sudorazione.

Per la diagnosi si esegue l’elettrocardiogramma a riposo o sotto sforzo, l’ecocardiogramma oppure la coronarografia.

A seconda dei casi, la terapia dell’ischemia cardiaca può consistere nella prescrizione di farmaci, che variano a seconda di ciò che ha provocato il restringimento del vaso, oppure nell’intervento di angioplastica, in cui si dilata la coronaria con un palloncino gonfiabile.

Un’altra terapia consiste nell’eseguire un bypass coronarico, cioè l’inserimento di un ponte tra l’aorta e l’arteria coronaria, così da aggirare l’ostruzione.

L’ischemia cerebrale, meglio conosciuta come ictus, si verifica quando c’è un’interruzione del flusso sanguigno al cervello.

Può riguardare un’area più o meno ampia e a seconda dell’entità e della zona colpita i sintomi possono variare.

Le cellule nervose muoiono anche quando restano senza ossigeno soltanto per pochi minuti. E il nostro organismo non è più in grado di rigenerarle.

Così come i sintomi, anche i danni dell’ictus dipendono dall’area in cui si verifica: possono essere irrilevanti o molto gravi, come la paralisi e perdita del linguaggio.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Panciroli Claudio Panciroli
Cardiologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "CUORE"
VIDEO

Infarto, se lo conosci si può sconfiggere

Mortalita da infarto

Con pochi piccoli sforzi è possibile ridurre la mortalità per infarto.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su