Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Irritazione vaginale in gravidnza"

Sono alla 30a settimana di gravidanza e le abbondanti perdite vaginali sembrano irritarmi la vagina, soprattutto le labbra, probabilmente perché rimane troppo umida. Così ho pensato di usare dei salvaslip interni. Ci sono controindicazioni a riguardo?

L’ambito vaginale in gravidanza modifica decisamente in termini di quantità e qualità delle secrezioni. La circolazione perivaginale aumenta, la temperatura corporea aumenta, le ghiandole vaginali si dilatano e lavorano di più. Tutto ciò corrisponde a un aumento delle secrezioni, in cui la normale flora batterica presente si moltiplica decisamente trovandosi a temperatura un po’ più elevata del solito. Il risultato di perdite vaginali più abbondanti non è significato di patologia e non va adottata alcuna particolare precauzione se non quella di una più attenta igiene intima. L’uso di assorbenti esterni o interni non è controindicato. Solo se ci fosse anche prurito o bruciore conviene parlarne con il medico o con il ginecologo, nel sospetto che ci possa essere una vaginite.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su