Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Iperprolattinemia iatrogena e contraccetivo"

Ho 24 anni. Assumo al bisogno farmaci per gastrite e dai 20 ai 23 anni ho assunto un contraccettivo a base di etinilestradiolo/drosperinone. In agosto 2012 scopro una galattorrea non spontanea, da stimolo, bilaterale con iperprolattinemia. Nessuna anomalia sulla sella turcica, ovaie normali. L’endocrinologa si orienta su una forma iatrogena. Sospendo i farmaci, compreso il contraccettivo e dopo un mese la prolattina è assolutamente normale. Trattandosi di una forma iatrogena, quali sono i rischi concreti se riprendo ad assumere un contraccettivo, a parte l'inibizione della gravidanzadovuta all'aumento della prolattina? La ginecologa mi ha consigliato di sostiuire la cura orale con l'anello vaginale: quale differenza ci potrebbe essere?

Purtroppo i contraccettivi orali possono aumentare, anche se non drasticamente, la prolattina nel sangue, che poi causa i disturbi che ha sperimentato. La pillola di ultima generazione che assumeva è molto valida, in quanto è dotata anche di un'azione antiandrogenica e quindi è indicata anche per combattere l'acne giovanile. Alla pillola le consiglio di abbinare una cura fitoterapica per inibire la produzione ipofisaria di prolattina. La pianta indicata è l'Agnocasto sotto forma di estratto secco titolato in agnuside minimo 2% in capsule o compresse. Il suo dosaggio medio è di circa 20-30 mg al mattino al risveglio e 20-30 mg nel tardo pomeriggio, sempre quindi a stomaco vuoto. Può continuare la cura cronicamente perché questo estratto è ottimamente tollerato. Dopo 3 mesi di cura ripeta il dosaggio della prolattina.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su