Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Integratori di potassio e magnesio e ritenzione idrica"

Appurato che il potassio ed il magnesio sono due minerali fondamentali per il nostro organismo e che la carenza di questi può dare, oltre ad altri disturbi, la ritenzione idrica, non riesco a capire l'uso di integratori, notoriamente assunto in casi di spossatezza e ipersudorazione. D'accordo che serva a reintegrare i sali minerali, ma se serve contro la ritenzione idrica, non è un controsenso? Inoltre a me causa proprio ritenzione idrica e rialzo della pressione arteriosa e non solo integratori ma anche le acque medio-minerali mi causano lo stesso problema. Può farmi chiarezza?

Come lei afferma gli integratori di potassio e magnesio servono a reintegrare i sali minerali persi con l’ipersudorazione. Non mi risulta che questo genere di integratori provochino ritenzione idrica e neppure che siano utilizzati contro la ritenzione idrica. Il fatto che a lei possano causare ritenzione idrica dipende da qualche altro problema (renale? cardiovascolare?) e non certo da magnesio e potassio. E il mio sospetto viene dal fatto che lei afferma che l’acqua medio-minerale le da ritenzione idrica e rialzo della pressione. Forse lei beve acqua a elevato contenuto di sodio ed è questo che può dare ritenzione, non il potassio. E comunque mi sembra che lei faccia un po’ di confusione con i termini ritenzione e disidratazione. Ne parli col suo medico.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su