Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Inappetenza e disagio allo stomaco"

Ho 32 anni e ho da un anno inappetenza e disagio allo stomaco, alcune volte nausea e spesso difficoltà a ruttare. Circa un anno fa ho fatto il test per l'Helicobacter sul sangue ed è risultato positivo. Dopo la terapia, fatta con gastroprotettore e due antibiotici per una settimana, a distanza di 3 mesi ho rifatto le analisi e il test è risultato negativo. L'inappetenza perdura, anche se a volte si alleggerisce per certi periodi in cui riesco ad avere anche i languori, ma mai vero appetito. Le chiedo a questo punto può trattarsi ancora di mucosa gastrica alterata o potrebbe esserci anche un'altra fonte a questo disagio?

Inappetenza, sazietà precoce e fastidio allo stomaco senza raggiungere il livello del dolore sono sintomi relativi a un disturbo funzionale tipo la “dispepsia funzionale”. Ciò significa che non sono correlati a una lesione organica della mucosa gastrica, bensì a un disturbo che può essere messo in relazione a un problema motorio di svuotamento gastrico alterato o a un disturbo di alterata sensibilità viscerale. Molto spesso la fonte di questi disturbi funzionali può anche essere messa in relazione all’infezione da Helicobacter pylori, e i sintomi migliorano dopo il trattamento specifico. Certo è che, per arrivare a diagnosticare un disturbo funzionale occorre escludere la patologia organica tramite gastroscopia.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su