RISPOSTA DELL'ESPERTO

"I rischi dell'esposizione all'amianto"

Ho 27 anni, e in questo momento sono in Australia. Ho avuto 2 episodi di esposizione da amianto e sono davvero in crisi e spero che lei mi possa dare un parere. 1) Demolizione di una casa in Eternit con maschera adeguata, ma senza seguire le procedure corrette; pannelli e tetto sono stati sfasciati e rotti a mazzate. Io ero lì a raccogliere i frammenti e lanciarli sul camion. Durata: 2 giorni. 2) Demolizione di partizioni interne di un capannone industriale in passato bonificato da amianto; 5 giorni di lavoro senza mascherina.

L'amianto, o asbesto, è un minerale naturale che per le sue caratteristiche di resistenza, duttilità nella lavorazione e basso costo, è stato ampiamente utilizzato nell'industria edilizia e nei trasporti. Ad esempio è stato impiegato nelle frizioni e nei freni degli autoveicoli e dei treni, come materiale isolante, nella copertura di edifici, nelle tubazioni, serbatoi e anche in campi meno prevedibili come per la produzione di imballaggi, pavimentazioni o tessuti ignifughi. L'esposizione a tale sostanza purtroppo è stata correlata a gravi patologie come il mesotelioma, i tumori polmonari o l'asbestosi. Questo avviene perché il materiale è costituito da sottilissime fibre che vengono inalate e si depongono nella parte terminale dell'apparato respiratorio, ove possono giacere per periodi molto prolungati di tempo. Le patologie indotte da amianto possono insorgere anche a distanza di decenni dall'esposizione. La probabilità che insorgano queste malattie è correlata oltre che all'intensità dell'esposizione, anche alla durata del periodo in cui si viene a contatto con questa sostanza. Possono essere di aiuto nella diagnosi di malattie indotte da amianto sia la radiologia (radiografia o TAC del torace), sia i test di funzionalità polmonare. Può eventualmente fare presente questa sua esposizione al servizio di medicina del lavoro relativo alla sua attività professionale per valutare quale di queste indagini strumentali possa eseguire a distanza di tempo dall'accaduto.


Ha risposto Papazian Barbara

Papazian 1

Barbara Papazian

Pneumologa

Svolge attività ambulatoriale come Specialista Pneumologa presso l’Ambulatorio dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti di Milano.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su