Pubblicità

Gravidanza: tutti gli esami e i test da fare

Piccolo vademecum delle analisi e degli appuntamenti per chi ha il pancione, trimestre per trimestre.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 7 minuti
Esami in gravidanza

Ecco un piccolo vademecum delle analisi da effettuare e degli appuntamenti da rispettare per chi ha il pancione, trimestre per trimestre.

Anche se la gravidanza procede nel migliore dei modi, esistono alcuni esami che è bene effettuare comunque a scadenze definite, e altri che sono consigliabili.

Così terremo sempre sotto controllo l’andamento della gestazione e la salute del piccolo, in modo da intervenire subito se qualche cosa non dovesse andare per il verso migliore.

Ascolta il parere del nostro farmacista sulle vitamine da assumere in gravidanza.

Il primo appuntamento da futura mamma

Una volta accertata la gravidanza, il primo incontro con il ginecologo o con l’ostetrica dovrebbe avvenire entro le 10 settimane.

Durante questa prima visita verranno misurati:

  • il nostro peso (da tenere sempre ben controllato!)
  • la pressione arteriosa

In questa sede potremo chiedere tutte le informazioni che ci servono per vivere i nove mesi in serenità, avere spiegazioni anche sulle diverse possibilità di diagnosi prenatale e pianificare insieme i diversi controlli da fare.

Tra questi le ecografie, che dovranno essere almeno tre (una per trimestre), con indicazioni diverse a seconda del periodo.

Primo trimestre: le analisi di routine

Entro la tredicesima settimana si dovranno eseguire:

  • esame delle urine per verificare la funzionalità renale e urinocultura per rilevare una eventuale infezione delle vie urinarie;
  • esami del sangue: emocromo, glicemia, transaminasi (AST e ALT);
  • determinazione del gruppo sanguigno e fattore Rh (se non fatto in precedenza) e test di Coombs indiretto che, se la madre è Rh negativo, va ripetuto ogni mese;
  • controllo di malattie infettive come toxoplasmosi, rosolia (non necessarie se è documentata l’immunità), sifilide, HIV.

La prima ecografia (ecografia ostetrica) viene in genere eseguita durante la prima visita per confermare a quale settimana di gravidanza ci si trova, per monitorare il feto e anche per stabilire il numero di embrioni presenti.

Sono inoltre consigliati:

  • la ricerca dell’antigene per il virus dell’epatite C e degli anticorpi anticitomegalovirus;
  • il dosaggio degli ormoni tiroidei;
  • una visita cardiologica con elettrocardiogramma;
  • Pap test, se non eseguito negli ultimi due anni

Per quanto riguarda lo screening prenatale (che può essere gratuito se la gravidanza è a rischio) oggi si tende a effettuare villocentesi o amniocentesi soltanto in caso di necessità e/o rischio individuato tramite il test combinato.

Il Test combinato va eseguito tra l’11a e la 13a settimana. Combina l’età materna, la translucenza nucale e gli esami del sangue, riducendo di molto il numero di esami invasivi. Anche se, se risulta negativo, non esclude completamente un difetto congenito.

Nel corso del trimestre potrebbe essere richiesto di ripetere alcuni esami (come esame delle urine, oppure rosolia e toxoplasmosi se risultati negativi in precedenza, test di Coombs indiretto).

Secondo trimestre

A seconda di ciò che è emerso nel primo trimestre potrà essere richiesto o meno di ripetere esami già eseguiti.

  • esame delle urine (comunque) e urinocultura se in precedenza si è evidenziata la presenza significativa di batteri (l’esame si ripete una volta al mese circa);
  • toxoplasmosi se non si è risultati immuni (da ripetere circa una volta al mese);
  • glicemia e curva da carico di glucosio, consigliata se si appartiene a un gruppo a rischio per il diabete.
  • test di Coombs indiretto in caso di incompatibilità con il gruppo del padre.

Tra la 20a settimana e la 22a, viene eseguita la seconda ecografia (detta ecografia morfologica) per la diagnosi di eventuali anomalie del feto.

Esamina l’anatomia del bambino stimandone le misure e il peso e verificando la presenza e il funzionamento di tutti gli organi. In questa fase è di solito possibile rilevare anche il sesso del bambino.

Inoltre, durante la visita in genere vengono monitorati:

  • il peso
  • la pressione arteriosa

Entro la 16a settimana è consigliata, per le donne oltre i 36 anni, l’amniocentesi se non è stata fatta prima la villocentesi.

Terzo trimestre

A cadenze stabilite, che verranno indicate dal medico, durante il terzo trimestre si faranno:

  • esame delle urine (comunque) e urinocultura se in precedenza si è evidenziata la presenza significativa di batteri;
  • esame del sangue: emocromo, glicemia e minicurva da carico se necessario
  • toxoplasmosi se non si è risultati immuni
  • HBsAg (per epatite B), anticorpi anti-HCV (per epatite C), HIV se presenti fattori di rischio
  • test di Coombs indiretto in caso di incompatibilità con il gruppo del padre.

Tra le 30a e la 32a settimana si esegue la terza ecografia, per valutare liquido amniotico e placenta, controllare la crescita fetale ed evidenziare eventuali malformazioni non emerse in precedenza o segni di sofferenza fetale.

Inoltre, sono consigliati:

  • misurazione della pressione arteriosa
  • visita cardiologica con elettrocardiogramma (tra la 35a e la 37a settimana)
  • tampone vaginale e rettale per ricerca streptococco beta-emolitico gruppo B, tra la 36a e la 37a settimana
  • cardiotocografia (CTG), intorno alla 36a settimana se vi è ipercontrattilità o si sospetta sofferenza fetale o se non si sente muovere il feto, se no dalla 40a settimana
  • flussimetria Doppler delle arterie ombelicali e altri distretti fetali (se il liquido amniotico è scarso, la CTG rileva anomalie o se la gravidanza è comunque a rischio)

A 36 settimane si verifica la posizione del feto: se è ancora podalico verranno fornite le informazioni sulla possibilità di effettuare le manovre esterne per farlo girare.

E per le donne con fattore Rh negativo alla prima gravidanza andrà prevista la profilassi anti-D entro le 72 dal parto (o in caso di minaccia di aborto con perdite ematiche, aborto spontaneo dopo la 13a settimana o se c’è il rischio che il sangue fetale si mescoli con quello materno).

Eugenio Bubo

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Perché in gravidanza è importante l’acido folico?

Vitamina b6 dieta gravidanza

L'acido folico è una vitamina esseziale, il cui fabbisogno aumenta soprattutto in gravidanza per far frone alle esigenze del feto.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Gli esami in gravidanza

  • 1 fotolia 122058968 subscription monthly m

    Dal ginecologo tutti i mesi

    Le ultime linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità mettono l’accento sull’importanza di controlli periodici dal ginecologo, che da quattro passano a ben otto: il primo non oltre la dodicesima settimana, a cui devono seguire due visite nel secondo trimestre (alla 20a e alla 26a settimana) e ben cinque nel terzo. Gli esperti ritengono infatti che un maggior numero di contatti con il ginecologo siano necessari per monitorare e salvaguardare la salute della donna e del feto e fornire tutte le informazioni necessarie ai futuri genitori.

  • 2 fotolia 109044692 subscription monthly m

    Gli esami di laboratorio più utili nei nove mesi

    In tutti e tre i trimestri è bene sottoporsi a esami del sangue per valutare un’eventuale anemia o la presenza di malattie infettive come toxoplasmosi, rosolia, sifilide e HIV. Al primo controllo è opportuno che il ginecologo prescriva anche un esame del sangue per determinare il gruppo sanguigno e il fattore Rh e un esame delle urine e un’urinocoltura per verificare la funzionalità renale e la presenza di una eventuale infezione delle vie urinarie. All’inizio del terzo trimestre è opportuno invece sottoporsi a un tampone vaginale per la ricerca dello streptococco beta-emolitico gruppo B, un batterio che, se presente in vagina, può infettare il neonato durante il parto, causando infezioni anche gravi.

  • 3 fotolia 113777567 subscription monthly m

    Un’ecografia per ogni trimestre

    Le ecografie previste nei nove mesi di gravidanza sono tre, ma il loro numero può salire nel caso il ginecologo lo ritenga opportuno. La prima ha lo scopo di verificare l’attecchimento dell’embrione e per datare con precisione la gravidanza. Tra la 20a e la 22a settimana viene eseguita la cosiddetta “morfologica”, con l’obiettivo di valutare l'accrescimento del bambino e la conformazione dei suoi organi. Tra la fine del settimo e l’inizio dell’ottavo mese la gestante viene infine sottoposta a un’ultima ecografia per monitorare la crescita e il benessere fetale, la quantità di liquido amniotico, la funzionalità della placenta e la posizione del bambino in vista del parto.

  • 4 fotolia 92014401 subscription monthly m

    Diagnosi prenatale tra il primo e il secondo trimestre

    Sono diverse le opzioni fra cui scegliere per indagare la presenza o la probabilità di anomalie cromosomiche nel feto. La certezza può arrivare solo dalla mappa cromosomica, che è possibile eseguire mediante il prelievo di un campione di villi coriali (villocentesi, da effettuare fra la 10a e la 13a settimana) o di liquido amniotico (amniocentesi, tra la 15a e la 17a). Esiste anche la possibilità di scegliere un esame non invasivo, il cosiddetto test combinato, che permette di ottenere una stima del rischio di anomalie cromosomiche nel bambino grazie alla ricerca nel sangue materno di due proteine prodotte dalla placenta e l’esecuzione di un’ecografia per la misura della translucenza nucale (ovvero dello spessore di una raccolta di liquido presente a livello della nuca del feto).

  • 5 fotolia 7988585 subscription monthly m

    Screening per il diabete gestazionale nel secondo trimestre

    Anche a donne che non hanno mai avuto problemi di glicemia, in gravidanza può essere diagnosticato il diabete gestazionale, ovvero un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue che va oltre i valori considerati fisiologici durante i nove mesi dell’attesa. La diagnosi avviene mediante la cosiddetta curva da carico di glucosio, ovvero un esame della glicemia prima e dopo avere assunto 75 g di glucosio. Sarà il ginecologo a valutare se prescrivere alla propria paziente questo esame in base alla presenza o meno di alcuni fattori di rischio, come per esempio il riscontro di questa patologia in una precedente gravidanza.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE E BENESSERE
Torna su