RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ginkgo biloba per ridurre i sintomi della demenza"

A un mio congiunto di 85 anni hanno suggerito di assumere un integratore a base di Ginkgo biloba sia per ridurre il rischio di ictus ischemico sia per ridurre i sintomi di demenza (ebbe un ictus 10 anni fa). Vorrei sapere se, invece, il Ginkgo non possa esporlo a un maggior rischio di ictus (così ho letto su alcuni siti). Assume questo integratore da almeno due settimane e, finora, non ha nuovi disturbi neurologici (l’unico problema è l’insorgenza di diarrea).

Il Ginkgo biloba va preso come estratto secco titolato in ginkgoflavonoidi al 24% e in terpeni totali al 6%, alla dose di 120 o di 240 mg in una unica dose al mattino al risveglio a stomaco vuoto. Il Ginkgo è un riattivatore della circolazione sanguigna cerebrale e un protettore dei neuroni. Lo prenda quindi cronicamente. Il Ginkgo però non va usato se il suo parente prende dei farmaci anticoagulanti.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su