Gambe più leggere con l’esercizio giusto

L'insufficienza venosa periferica, che affligge un gran numero di donne soprattutto durante la stagione calda, può essere contrastata con esercizi ad hoc.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Salute gambe esercizi

Ogni anno, la stessa storia. Non appena la temperatura aumenta, il piacere dell’estate ritrovata deve fare i conti con i fastidi dell’insufficienza venosa. Poniamo rimedio.

Disturbo sperimentato, seppur con intensità molto variabile, praticamente da ogni donna, talvolta fin dall’adolescenza e sempre più spesso con l’avanzare dell’età, le “gambe pesanti” sono frutto di un circolo non efficiente nelle vene.

Posto che un rimedio in grado di risolvere definitivamente il problema ancora manca, esistono alcune strategie che possono aiutare a migliorare la circolazione venosa periferica. Attenuando così sensazione di pesantezza e gonfiore alle gambe, riducendo la comparsa di formicolii e crampi e contribuendo a prevenire lo sviluppo di capillari superficiali e varici.

Quali? Innanzitutto il movimento che, stimolando l’azione di pompa muscolare di piede e polpaccio, aiuta le vene delle gambe a spingere il sangue verso il cuore senza affaticare troppo pareti e valvole.

Punto primo: camminare

Basta camminare di più, facendo attenzione a tenere la schiena diritta, le spalle all’indietro e gli addominali distesi per assicurare alla colonna vertebrale una curvatura fisiologica.

E strutturare il passo in modo da appoggiare a terra prima il tallone, quindi l’avampiede e per ultime le dita.

E, poi, praticare ogni giorno pochi esercizi semplici e divertenti.

Gli esercizi da seduti

In ufficio o la sera a casa davanti alla tv, la circolazione delle gambe si può favorire anche stando seduti, senza dare troppo nell’occhio.

Accavallare le gambe, alternativamente, e ruotare lentamente il piede e la caviglia, disegnando cerchi ampi e completi. L’ideale è eseguire 10-15 rotazioni per ogni lato e ripetere l’esercizio più volte al giorno.

Sempre per le caviglie, allungare le gambe in avanti e ruotare le caviglie verso l’esterno, in modo che i talloni si tocchino; i piedi devono essere distesi il più possibile. Mantenere per 2-3 secondi, poi ruotare verso l’interno, portando le dita a contatto tra loro. L’intero esercizio deve essere eseguito cinque volte, in ciascuna direzione.

E, ancora, seduti con le gambe sollevate e tese in avanti, si devono prima “sollevare” i piedi, in modo da avvicinare le dita alle gambe, quindi distenderli il più possibile in avanti, 10-15 volte per ciascun piede.

Un po’ meno discreta, ma molto efficace è la “bicicletta”. Ci si deve sedere vicino al bordo anteriore della sedia e sostenersi afferrandone i lati. A questo punto, si devono sollevare entrambe le ginocchia e simulare la pedalata. Vanno effettuate 10-15 pedalate complete in avanti e altrettante all’indietro.

In piedi

Altri semplici esercizi adatti a tutti, praticabili in casa o all’aperto ogni volta che si vuole, vanno eseguiti in piedi e puntano a migliorare soprattutto il tono dei polpacci.

Il primo, detto “semi squat” consiste nel piegarsi ripetutamente sulle ginocchia (10-20 volte), lentamente, partendo e ritornando ogni volta in posizione eretta. Per migliorare la stabilità i piedi vanno tenuti leggermente divaricati. La schiena deve rimanere diritta.

Un esercizio classico contro l’insufficienza venosa è il “calf raises”: in piedi diritti, a gambe unite e con le braccia lungo i fianchi, alzare e abbassare ripetutamente i talloni (rimanendo appoggiati 2-3 secondi sull’avampiede). Da ripetere 10-20 volte.

Per finire, la marcia sul posto, sollevando alternativamente le gambe fino a che la coscia risulta parallela al suolo e poi riabbassarle. La successione va ripetuta almeno 15-20 volte (per ogni gamba).

Nell’acqua

Tutti gli esercizi fin qui proposti “a secco” possono essere adattati per l’esecuzione in mare o in piscina, traendone benefici ancora maggiori grazie al massaggio passivo dell’acqua durante il movimento. In questo caso, per le procedure che richiedono un supporto, al posto della seggiola o della parete, si può usare il bordo o la scala d’accesso alla vasca.

Altrettanto utili sono poi, naturalmente, tutte le altre forme di movimento o ginnastica in acqua e, inutile ricordarlo, il nuoto, in assoluto lo sport migliore per chi soffre di insufficienza venosa.

Rosanna Feroldi

VIDEO

Per migliorare la circolazione delle gambe che cosa posso prendere?

Circolazione alla gambe rimedi

Contro i problemi di circolazione alle gambe esistono cure con prodotti antivaricosi e flebotonici naturali.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI BELLEZZA
Torna su