Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Foriuscita di aria dalla vagina durante i rapporti"

Durante il rapporto, soprattutto quando cambiamo posizione, fuoriesce una flatulenza dalla mia vagina. Ciò crea molto disagio e imbarazzo. Perché ciò avviene? È possibile risolvere o ridurre il problema?

Il fenomeno può essere dovuto a varie cause. La prima e più banale è quella di un fatto meccanico di compressione dell’aria nell’ambito vaginale come conseguenza dei meccanismi della penetrazione vaginale. Una seconda causa può essere la presenza di batteri di tipo intestinale capaci di sviluppare gas, che vengono ulteriormente stimolati dal rapporto e dal relativo aumento della temperatura locale. Una terza causa potrebbe essere quella della presenza di fistole retto-vaginali, fatto raro, ma da valutare quando siano stati eventualmente eseguiti interventi chirurgici vaginali o al basso intestino o vi siano malattie intestinali croniche (es. morbo di Crohn). Se il fenomeno persiste è corretta una valutazione medica per cercarne la causa, che solitamente si colloca nelle due prime condizioni descritte.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su