Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ferro e mestruazioni"

Sono una ragazza di 22 anni; da quando ero bambina ho sempre sofferto di colesterolo alto, e per questo ho sempre seguito una dieta più o meno costante. Questo mese, dalle periodiche analisi del sangue, i valori dei globuli rossi, dell'emoglobina, dei granulociti neutrofili e il valore dell'ematocrito risultano più bassi dei valori di riferimento; mentre i linfociti risultano un po’ più alti; per non parlare delle Sideremia che è arrivata a 203 mcg/dl. Il mio medico mi ha prescritto una cura di ferro di un mese. Premetto che ho sempre avuto un ciclo mestruale molto abbondante e doloroso. Le mestruazioni che dovevano comparire il 16/11, sono state sostituite da perdite scure i giorni 18/19/20. La mancanza delle mestruazioni di questo mese è conseguente ai valori che le ho sopra descritto o, al contrario, i valori possono essere conseguenti alla mancanza del ciclo mestruale e quindi a una possibile gravidanza?

Se le mestruazioni sono sempre state abbondanti, una condizione di lieve anemia ne è la logica conseguenza. La sideremia non è bassa, è anzi al di sopra della norma, poiché i valori di normalità, pur con variazioni da laboratorio a laboratorio, nella donna sono tra 50 e 150 mcg/dl. Per chiarire meglio il significato di quella sideremia (che ci dà il ferro circolante) sarebbe opportuno conoscere anche il valore della ferritina (che ci dà il ferro dei depositi). Che poi i valori dell’emocromo vadano calando in gravidanza per una fisiologica emodiluizione questo è anche vero. Ma il fenomeno è lento e progressivo nel tempo.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su