Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Febbre influenza rimedi

Febbre: insorge con l’influenza, ma non solo

Oltre all'influenza sono molto i fattori che possono aumentare la temperatura corporea. Ecco quali e come comportarsi.

La temperatura corporea aumenta in presenza virus di influenzali, ma la febbre può essere causata anche da altri fattori.

La febbre è definita come un aumento della temperatura interna del corpo al di sopra dei 37°C, considerato il livello normale.

Un incremento della temperatura può destare preoccupazione, ma di rado è una condizione pericolosa, a meno che non compaia in bambini molto piccoli, duri più di tre giorni, o sia eccessivamente elevata.

Quando l’organismo è sotto attacco da parte di virus, come quelli influenzali, reagisce innalzando la temperatura interna.

A regolare il tutto è uno specifico centro che si trova nell’ipotalamo, una zona del nostro cervello. È l'ipotalamo a trasmettere al corpo i segnali che aumentano il calore.

Misurare la febbre

La temperatura può essere calcolata, con appositi termometri, in diverse aree del corpo. A seconda della sede variano i limiti di temperatura considerati normali. Lo schema seguente può essere di aiuto:

  • per le misurazioni rettali, o nell’orecchio è considerata normale una temperatura di 37,6 °C mentre si parla di febbre a 38°C
  • per misurazioni eseguite in bocca, è considerata normale una temperatura di 36,8°C mentre si parla di febbre a 37,5°C
  • per misurazioni eseguite nell’ascella è considerata normale una temperatura di 36,4°C e si parla di febbre a 37,2°C.

Bisogna inoltre tenere in considerazione il fatto che esistono variazioni fisiologiche nella nostra temperatura: per esempio al mattino è in genere più bassa, mentre la sera raggiunge il valore più alto.

Pubblicità

Cause della febbre

  • Infezioni. Sono la più comune causa di febbre e possono essere sia batteriche sia virali, come l’influenza.
  • Lesioni. Sia traumi meccanici, sia ustioni o altre lesioni provocate da patologie come l’infarto e l’ictus producono danni ai tessuti che causano febbre.
  • Emorragie. Qualsiasi condizione che provochi emorragia, compresi gli interventi chirurgici, induce febbre.
  • Altre malattie. Tutti gli stati infiammatori, sia acuti sia cronici, sono accompagnati da un rialzo della temperatura.

Abbassare la febbre

Non tutti i casi di febbre richiedono il trattamento. Infatti, un aumento della temperatura può risultare utile perché batteri e virus, come per esempio quelli influenzali, fanno fatica a replicarsi a temperature elevate.

La febbre inoltre aumenta nel sangue la quantità di interferone che ha anche attività antivirale.

Dal momento che la febbre spesso causa disagio e aumenta la frequenza cardiaca, si può trattare con farmaci antipiretici, come l’acido acetilsalicilico o il paracetamolo che, peraltro, agiscono anche sugli altri sintomi dell’influenza.

Il trattamento farmacologico della febbre varia a seconda dell’età. Il medico va sempre chiamato nel caso che la febbre compaia nei neonati fino ai tre mesi di età.

I bambini più grandi e gli adulti, se non mostrano segni di grave sofferenza, dovrebbero solo riposarsi e rimanere ben idratati finché la febbre non supera i 39 °C.

Temperature più alte andrebbero trattate con gli antipiretici. Il medico deve essere chiamato comunque se un bambino non risponde ai farmaci o se è particolarmente irritabile o abbattuto, oppure se un adulto presenta rigidità al collo, cefalea grave, o se la febbre rimane costantemente alta per più di tre giorni.

A cura della redazione

TAG
VIDEO

La febbre va abbassata sempre, anche se è poca?

Abbassare poca febbre

La febbre è un sintomo che può derivare da molteplici condizioni. Non sempre è necessario abbassarla, ma se ne deve prima identificare la causa.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su