Fattore Rh e gravidanza: ecco cosa bisogna sapere

Semplici controlli per monitorare madre e figlio possono mettere al sicuro da malattie in alcuni casi anche gravi.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti

Semplici controlli per monitorare madre e figlio possono mettere al sicuro da malattie in alcuni casi anche gravi.

Noto con il nome di fattore Rh, il suo nome completo è fattore Rhesus. Si tratta di una proteina che si trova sulla membrana esterna dei globuli rossi.

Non tutti ce l'hanno: chi la possiede viene definito Rh + (positivo), mentre le persone i cui globuli rossi non portano questa proteina sono denominate Rh - (negativo). Il tipo Rh + è quello più diffuso e la presenza o l'assenza di tale fattore non ha alcuna influenza sullo stato di salute della persona.

Perché è importante durante la gravidanza?

Se una donna è Rh - e ha un partner Rh +, può verificarsi un fenomeno di incompatibilità del fattore Rh tra madre e figlio, in quanto quest’ultimo potrebbe ereditare dal padre la presenza di questa proteina.

Il contatto tra sangue materno Rh - e sangue fetale Rh + potrebbe scatenare una reazione di rigetto da parte dell'organismo della madre. Il sistema immunitario materno, infatti, riconoscerebbe il sangue del bambino, di tipo Rh +, come estraneo. E comincerebbe a produrre anticorpi contro i globuli rossi del nascituro (anticorpi anti-D): si parla in questo caso di immunizzazione materna contro il sangue Rh +.

Contatto tra diversi tipi di sangue: quando si verifica?

Il contatto tra sangue materno e fetale può avvenire:

  • durante il parto
  • durante esami invasivi come amniocentesi e villocentesi, metodiche che normalmente non pongono particolari problemi, ma che potrebbero in alcuni casi portare a contatto il sangue materno con quello fetale
  • durante una trasfusione.

Se il contatto avviene durante il parto, gli anticorpi anti-D prodotti dalla madre non avrebbero il tempo necessario per danneggiare il nascituro.

Il discorso è diverso nelle gravidanze successive oppure se il contatto avvenisse durante la gravidanza. In questi casi, infatti, gli anticorpi anti-D prodotti dalla madre avrebbero tutto il tempo di attraversare la placenta e attaccare i globuli rossi fetali. Quando ciò avviene si verifica una condizione di anemia che può raggiungere livelli molto gravi, portando in alcuni casi alla morte del bambino nell'utero.

Cosa si può fare? Sorveglianza materno-fetale

Per fortuna, i casi di bambini che muoiono in utero a causa di questa malattia sono meno del 10%. E questo grazie al miglioramento della sorveglianza materno-fetale.

Prima di cercare una gravidanza, ogni coppia dovrebbe conoscere il proprio gruppo sanguigno e il fattore Rh, per individuare i possibili casi di incompatibilità. Se ciò si verifica, è necessario che la futura mamma si sottoponga al test di Coombs indiretto: questa analisi è in grado di stabilire se la madre stia producendo anticorpi anti-D contro i globuli rossi del bambino.

In caso positivo, il feto e la madre verranno monitorati attentamente. In alcuni casi, potrebbe essere necessario sottoporre il bambino a una trasfusione attraverso il cordone ombelicale, oppure subito dopo il parto proprio per scongiurare lo svilupparsi dell'anemia.

Valentina Torchia

Fotogallery

Gli esami in gravidanza

  • 1 fotolia 122058968 subscription monthly m

    Dal ginecologo tutti i mesi

    Le ultime linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità mettono l’accento sull’importanza di controlli periodici dal ginecologo, che da quattro passano a ben otto: il primo non oltre la dodicesima settimana, a cui devono seguire due visite nel secondo trimestre (alla 20a e alla 26a settimana) e ben cinque nel terzo. Gli esperti ritengono infatti che un maggior numero di contatti con il ginecologo siano necessari per monitorare e salvaguardare la salute della donna e del feto e fornire tutte le informazioni necessarie ai futuri genitori.

  • 2 fotolia 109044692 subscription monthly m

    Gli esami di laboratorio più utili nei nove mesi

    In tutti e tre i trimestri è bene sottoporsi a esami del sangue per valutare un’eventuale anemia o la presenza di malattie infettive come toxoplasmosi, rosolia, sifilide e HIV. Al primo controllo è opportuno che il ginecologo prescriva anche un esame del sangue per determinare il gruppo sanguigno e il fattore Rh e un esame delle urine e un’urinocoltura per verificare la funzionalità renale e la presenza di una eventuale infezione delle vie urinarie. All’inizio del terzo trimestre è opportuno invece sottoporsi a un tampone vaginale per la ricerca dello streptococco beta-emolitico gruppo B, un batterio che, se presente in vagina, può infettare il neonato durante il parto, causando infezioni anche gravi.

  • 3 fotolia 113777567 subscription monthly m

    Un’ecografia per ogni trimestre

    Le ecografie previste nei nove mesi di gravidanza sono tre, ma il loro numero può salire nel caso il ginecologo lo ritenga opportuno. La prima ha lo scopo di verificare l’attecchimento dell’embrione e per datare con precisione la gravidanza. Tra la 20a e la 22a settimana viene eseguita la cosiddetta “morfologica”, con l’obiettivo di valutare l'accrescimento del bambino e la conformazione dei suoi organi. Tra la fine del settimo e l’inizio dell’ottavo mese la gestante viene infine sottoposta a un’ultima ecografia per monitorare la crescita e il benessere fetale, la quantità di liquido amniotico, la funzionalità della placenta e la posizione del bambino in vista del parto.

  • 4 fotolia 92014401 subscription monthly m

    Diagnosi prenatale tra il primo e il secondo trimestre

    Sono diverse le opzioni fra cui scegliere per indagare la presenza o la probabilità di anomalie cromosomiche nel feto. La certezza può arrivare solo dalla mappa cromosomica, che è possibile eseguire mediante il prelievo di un campione di villi coriali (villocentesi, da effettuare fra la 10a e la 13a settimana) o di liquido amniotico (amniocentesi, tra la 15a e la 17a). Esiste anche la possibilità di scegliere un esame non invasivo, il cosiddetto test combinato, che permette di ottenere una stima del rischio di anomalie cromosomiche nel bambino grazie alla ricerca nel sangue materno di due proteine prodotte dalla placenta e l’esecuzione di un’ecografia per la misura della translucenza nucale (ovvero dello spessore di una raccolta di liquido presente a livello della nuca del feto).

  • 5 fotolia 7988585 subscription monthly m

    Screening per il diabete gestazionale nel secondo trimestre

    Anche a donne che non hanno mai avuto problemi di glicemia, in gravidanza può essere diagnosticato il diabete gestazionale, ovvero un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue che va oltre i valori considerati fisiologici durante i nove mesi dell’attesa. La diagnosi avviene mediante la cosiddetta curva da carico di glucosio, ovvero un esame della glicemia prima e dopo avere assunto 75 g di glucosio. Sarà il ginecologo a valutare se prescrivere alla propria paziente questo esame in base alla presenza o meno di alcuni fattori di rischio, come per esempio il riscontro di questa patologia in una precedente gravidanza.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE DONNA
Torna su