Pubblicità

Esercizi da ufficio per mandar via la cervicale

Stare tutto il giorno davanti al computer non giova alla salute della parte alta della colonna vertebrale.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Torcicollo allenamento ufficio

Stare tutto il giorno davanti al computer non giova alla salute della parte alta della colonna vertebrale. Ecco come ovviare al problema.

Chi non ha mai avuto problemi di cervicale faccia “no” con la testa. Gli altri, che agli indolenzimenti nella parte posteriore del collo e relativi mal di testa sono più o meno avvezzi, devono impegnarsi in esercizi un po’ più strutturati se vogliono veder diminuire la frequenza degli attacchi e migliorare la propria qualità di vita.

In realtà, non si tratta di nulla di difficile o che richieda troppo tempo. Al punto che gli esercizi-base contro la cervicale possono essere effettuati anche in ufficio.

Gli esercizi utili da eseguire ogni giorno

Mobilizzazione globale del collo

Il primo fondamentale esercizio per contrastare l’irrigidimento della colonna cervicale che progressivamente si instaura con l’avanzare dell’età e il persistente mantenimento di posture scorrette (leggasi “collo piegato in avanti” sui libri, sulla tastiera del computer o di fronte a un monitor mal posizionato) consiste semplicemente nell’eseguire un lento movimento rotatorio di tutta la testa, prima, verso destra e, poi, verso sinistra.

Si tratta esattamente dello stesso esercizio che veniva chiesto di fare, a volte, a scuola durante le ore di ginnastica per defatigare e allenare al tempo stesso i muscoli del collo.

Si può eseguire da seduti, tenendo la schiena diritta, oppure in piedi (ma attenzione se si soffre di disturbi dell’equilibrio). Si ripete alcune volte per lato e si sta già meglio.

Pubblicità

Rinforzo della muscolatura laterale del collo

Per rinforzare i muscoli che supportano lateralmente il collo bisogna sfruttare le contrapposizioni. Mentre si cerca di inclinare la testa da un lato (facendo avvicinare la guancia alla spalla), con la mano appoggiata allo stesso lato della testa bisogna opporre resistenza, spingendo in senso opposto (come se si volesse rimettere la testa diritta).

L’operazione va ripetuta alcune volte, da seduti, senza sforzare troppo, prima da un lato e poi dall’altro.

Mobilizzazione del capo

Per allenare i muscoli posteriori e anteriori del collo e mobilizzare le vertebre in senso antero-posteriore e viceversa, serve effettuare movimenti poco naturali, ma efficaci. Fidatevi.

Da seduti, ben appoggiati allo schienale di una sedia o di una poltrona rigida, spostate la testa prima in avanti più che potete e, poi, indietro più che potete, senza piegare il collo. Se vi risulta difficile visualizzare l’esercizio, pensate al classico gesto di Totò, che di certo non aveva problemi di cervicale. Nel caso specifico, però, il movimento dev’essere lento e non a scatto.

Trazione della parte posteriore del collo

Ultimo esercizio, particolarmente rilassante anche se forse un po’ meno “discreto” da eseguire in ufficio, consiste nel posizionare un piccolo telo arrotolato
sulla parte posteriore del collo e nel tirarne le estremità con le mani poste davanti alla testa.

La parte posteriore del telo deve esercitare una trazione sulla zona cervicale, mentre i lembi tesi devono essere alzati e abbassati di circa 45° rispetto al piano delle spalle. La testa deve essere leggermente reclinata all’indietro per permettere al telo di aderire e massaggiare meglio la curvatura posteriore del collo.

CONSULTA IL DOSSIER "MAL DI TESTA"
VIDEO

Cervicale o mal di testa? Facciamo un po' di chiarezza

Foto paolo martelletti

Come riuscire a distinguerle e in che modo curarle. Ne parliamo con Paolo Martelletti, presidente della Società italiana per lo studio delle cefalee.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Gli sport per il mal di schiena

  • Fotolia 30337491 s

    Al ritmo del tango

    In alcuni ospedali si pratica addirittura la tangoterapia, cioè ballare sulle note di questa avvincente musica per migliorare il mal di schiena. È appurato infatti che il tango rinforza i muscoli centrali della schiena e quelli dei glutei. Inoltre aumenta la flessibilità del tronco. Andrebbe fatto due volte alla settimana per almeno 45 minuti. Fare attenzione ai movimenti bruschi se non si è allenati.

  • Fotolia 41978497 s

    Nuoto: miglior alleato della colonna

    È lo sport ideale per chi soffre di lombalgia perché scarica le tensioni nervose, rinforza i muscoli di tutto il corpo senza sovraccaricare la colonna con il peso del corpo. E poi distende bene la schiena. Andrebbe praticato due o tre volte alla settimana.

  • Fotolia 54137304 s

    Camminare di buon passo

    Basta mezz’ora al giorno di camminata veloce, in città o in campagna. L’unica cosa da evitare sono i tacchi alti per le donne, dal momento che non fanno bene alla schiena. Passeggiare consente di rinforzare i muscoli della colonna e di tonificarli. In molti casi, è il modo più semplice di risolvere i piccoli problemi di lombalgia.

  • Fotolia 4502258 s

    Acquagym per tutti

    È un’attività che va bene per tutti: si deve praticare due o tre volte alla settimana per poterne apprezzare i benefici a livello della schiena. L’acquagym tonifica la muscolatura delle gambe e della schiena senza esporre quest’ultima a sforzi eccessivi: quando siamo dentro l’acqua infatti il carico sulla colonna si riduce notevolmente.

  • Fotolia 3396419 s

    Spada o fioretto se hai problemi di postura

    Solo chi ha problemi di mal di schiena legati alla postura riesce a trarre beneficio dalla scherma o dal fioretto. Occorre avere, naturalmente, una buona preparazione atletica e l’allenamento deve essere abbastanza frequente. È un valido alleato della schiena perché, praticandolo, siamo costretti a cercare costantemente un buon equilibrio e una postura corretta, per poter fronteggiare l’avversario.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su