Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ernia jatale e reflusso, cure"

Sono una donna di 41 anni e da 10 ho un problema di stomaco. In questi anni ho preso un inibitore di pompa protonica, a vari dosaggi. Nel caso in cui non assumo questo farmaco ho dolori alla schiena e inappetenza e scendo di peso. La diagnosi è stata: ernia jatale da scivolamento con esofagite peptica di primo grado. Visto che sono dieci anni che assumo lansopraziolo, esiste una cura alternativa?

A parte la terapia medica utilizzata per le complicanze della malattia da reflusso (esofagite da reflusso), nei casi in cui i sintomi diventino refrattari alla terapia, l’alternativa è la riduzione chirurgica dell’ernia jatale, previa una adeguata valutazione chirurgica specialistica.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su