Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Episodi frequenti di diarrea a 68 anni"

Mia madre, 68 anni, da oltre due anni ha episodi molto frequenti di diarrea (3-4 volte al mese), ha fatto visite specialistiche e le analisi sono tutte negative, ma i farmaci antidiarroici o anticolitici non hanno più alcun effetto. Assume molti medicinali per varie patologie, fra le quali epilessia, e segue una dieta rigida per un'insufficienza renale. La cosa peggiore è che non riesce a trattenersi per niente, ed è costretta a restare chiusa in casa perché quando "arriva" non riesce ad arrivare al bagno in tempo. Non sappiamo più che fare, abbiamo bisogno di un aiuto concreto.

Le cause di diarrea possono essere molteplici, non è facile ragionare su un sintomo così importante senza avere chiaro il quadro, sapere quali indagini ha già eseguito o visitare la paziente. Ci posso essere cause iatrogene, tuttavia i farmaci antiepilettici possono dare disturbi gastrointestinali dose-dipendenti quali nausea, dispepsia o dolori addominali. Dopo aver escluso cause infettive, acute o croniche e ormonali (alterazioni tiroidee), le diarree possono essere in relazione a malattie infiammatorie o da malassorbimento. Per avere un aiuto concreto è meglio affidarsi a un buon Centro di gastroenterologia.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su