RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Episodi di tachicardia parossistica "

Sono una donna di 63 anni e ogni tanto ho tachicardia. Prima un paio di volte l'anno, ma da qualche mese circa ogni mese e mezzo. Le ultime volte è stata parossistica. Soffro di reflusso e di aria in stomaco e intestino e l'aritmologo mi ha parlato di una sindrome gastrocardiaca. Ho attacchi di ansia. Purtroppo i medicinali provati per il ritmo mi portano stanchezza e sonnolenza. Ho fatto vari accertamenti: gastroscopia (reflusso e modica gastrite), Holter 24 e 78 ore (normale), visite specialistiche. Cos'altro posso fare?

Se la tachicardia è sinusale, quindi normale dopo tutti i vari accertamenti fatti, mi rivolgerei a uno psicologo per la cura dell'ansia. Se invece la tachicardia è patologica - ma non mi sembra da come mi ha descritto la situazione - va fatta l'ablazione dell'aritmie, ma se l'aritmologo non ne ha parlato, non c'è n'è proprio bisogno. Comunque una piccola dose di beta bloccante andrebbe assunta.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su