Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Due uova al giorno per 5 giorni la settimana"

Mi piacerebbe conoscere i pro e i contro del mangiare due uova al giorno per 5 giorni alla settimana per un periodo di tempo prolungato, considerando che il restante regime alimentare è variegato e sano, poiché indirizzato all'assunzione di alimenti integrali, alle verdure ed escludento i cibi "spazzatura". ​

Un uovo di gallina di grandezza media (60/70 grammi senza guscio) e sodo, corrisponde in energia a circa 68/75 kcal così ripartite: 64% grassi, 3% carboidrati, 33% proteine. E in particolare, per quanto riguarda i grassi: saturi 1,432 g - monoinsaturi 1,787 g - polinsaturi 0,62 g - colesterolo 186 mg. Il sodio 122 mg e il potassio 55 mg. Il tutto, però, nel suo caso, va moltiplicato per 2 e si arriva a circa 140/150 kcal di cui oltre la metà sono composte da grassi e per il resto molte proteine e poco altro. E non è tutto! Il colesterolo di 2 uova arriva a poco più di 380 mg superando la quantità raccomandata per la popolazione adulta che non dovrebbe andare oltre i 300 mg al giorno. Ricordo poi che le attuali raccomandazioni per la popolazione italiana adulta prevedono che un consumo salutare non debba essere superiore a 2 uova la settimana. Perciò con 2 uova al giorno per cinque giorni su 7, per quanto salutare possa essere il resto della dieta abituale, si supera la quantità di colesterolo raccomandata, le proteine sono in abbondanza e tutte di origine animale e i carboidrati complessi sono decisamente pochi. In altri termini, la sua dieta quotidiana per quei 5 giorni almeno è comunque sbilanciata. Nel lungo termine, i rischi sono: sovraccarico del rene, del fegato e aumento del rischio cardiovascolare. Quindi il mio consiglio è di non prolungare questo regime per oltre 2 mesi consecutivi, nei periodi di allenamento intenso, per poi sospenderlo e riprenderlo di nuovo, ma mai senza il supporto del suo medico e di uno specialista qualificato in scienza dell’alimentazione, possibilmente esperto nell'alimentazione sportiva.​


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su