Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dove si ricava il calcio"

Da quali alimenti è possibile assumere calcio, a parte latte e latticini? In che quantità giornaliere bisognerebbe assumere questi alimenti per avere una buona riserva di calcio per le nostre ossa?

All’interno del nostro corpo è presente circa un chilo di calcio di cui il 99% si trova nelle ossa. Una carenza di questo elemento può provocare danni alle ossa e ai denti, e portare a patologie come l’osteoporosi. Il fabbisogno di calcio varia molto in base all’età dei soggetti, è superiore durante le varie fasi di crescita (1200- 1500 mg al giorno), durante la gravidanza e l’allattamento (1200 mg al giorno). Anche le donne in menopausa necessitano di buone quantità di calcio (1500mg/die), soprattutto se non hanno seguito una terapia ormonale sostitutiva. Per i soggetti adulti in un buono stato di salute il fabbisogno quotidiano di calcio è in media di circa 1000 mg/die. Gli alimenti più ricchi di calcio sono il latte e i latticini. Invece, nel regno vegetale, i legumi, la frutta secca, il radicchio verde, il cavolo, gli spinaci, la cicoria, i cardi, le foglie di rapa, i carciofi, il basilico e i broccoli ne contengono delle discrete quantità. Anche l’acqua che beviamo contiene calcio assorbibile dal nostro organismo, quindi, bere acqua e specialmente acqua minerale ricca di calcio (leggere le etichette delle bottiglie) aiuta a soddisfare il fabbisogno di calcio.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su