Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti

Disturbo bipolare: i sintomi d’esordio e le cure

Colpisce almeno una persona su cento e può presentarsi con una grande varietà di manifestazioni. È una patologia da non trascurare, ma può essere gestita con cure mirate.

Colpisce almeno una persona su cento e può presentarsi con una grande varietà di manifestazioni. È una patologia importante, da non trascurare, ma con cure mirate può essere gestita in modo efficace.

A tutti può capitare di avere sbalzi d’umore, ma a volte l’alternarsi tra fasi euforiche e momenti di depressione è talmente marcato da connotare una malattia psichica vera e propria: il disturbo bipolare.

In chi ne soffre si alternano appunto periodi di eccitazione o eccitazione moderata (fase maniacale o ipomaniacale) e periodi di depressione (fase depressiva). Sebbene sia evidente una predisposizione familiare ad ammalarsi, il disturbo non si eredita. Il rischio di svilupparlo è favorito da cattive abitudini di vita, soprattutto per quanto riguarda il sonno, e dall’abuso di sostanze (stupefacenti, alcolici, ecc.).

I campanelli d’allarme

Il disturbo bipolare spesso si manifesta sin dall’adolescenza, solo che in molti casi non viene riconosciuto o scambiato con altre condizioni, dalla depressione alla schizofrenia.

Prima che si manifestino episodi maniacali veri e propri (ci possono volere anni), si possono avere disturbi di ansia, del sonno ed episodi depressivi.

I sintomi del disturbo dipolare sono legati alle fluttuazioni dell’umore e possono essere molto variegati. In genere le fasi depressive durano di più nel tempo, mentre quelle maniacali o ipomaniacali hanno durata minore (da una settimana a poco più di un mese).

Il passaggio tra queste due fasi può essere relativamente lungo, consentendo al paziente un periodo di benessere, oppure molto repentino.


Sintomi maniacali
Sintomi depressivi
Aumento dell’energia vitale e creativa
Umore depresso per la maggior parte del tempo
Incapacità di frenare i propri impulsi (spese eccessive, abuso di sostanze, ecc.)
Perdita di interesse per le attività quotidiane
Promiscuità sessuale
Tendenza all’isolamento
Aumento della socievolezza
Sentimenti di colpa
Riduzione del bisogno di sonno
Alterazioni del sonno e dell’appetito

Pensieri di morte/suicidio

Che cosa fare

Il disturbo bipolare può essere facilmente riconosciuto soprattutto nella fase maniacale, in quanto è molto ben definita e ha caratteristiche peculiari che persistono per almeno una settimana.

Se, al contrario, il paziente arriva dallo specialista nella fase depressiva (cosa più probabile) possono volerci anche molti anni prima di riconoscere con chiarezza il disturbo. Può infatti capitare che alcuni pazienti abbiano per anni solo episodi depressivi senza mostrare fase maniacali o ipomaniacali. Questi pazienti vengono perciò diagnosticati come depressi fino alla comparsa, magari a molti anni di distanza, di una prima fase maniacale. Da qui l’importanza di una valutazione clinica molto dettagliata dei sintomi e della storia familiare che potrebbe portare alla diagnosi corretta.

Le cure

Il trattamento del disturbo bipolare si basa da una parte sull’impiego di farmaci, che puntano a stabilizzare l’umore e a migliorare il sonno, e dall’altra su un approccio psicoeducazionale, che mira a insegnare al paziente e ai familiari a riconoscere i segnali di una prossima ricaduta maniacale o depressiva. Il problema, soprattutto negli adolescenti, è l’aderenza alla terapia e alle indicazioni inerenti lo stile di vita, soprattutto nelle fasi maniacali.

I farmaci più utilizzati sono i sali di litio, anche se da alcuni anni sono disponibili antipsicotici di seconda generazione, rivelatesi particolarmente utili in alcune forme del disturbo.



Quanto hai trovato interessante questo articolo?
 

Articolo scritto da:
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su