Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Disturbi digestivi senza lesioni organiche, quale aiuto naturale"

Da qualche anno soffro di digestione lenta e difficoltosa con cefalea. Tante indagini non hanno portato a identificare una causa precisa; negative pure l'intolleranza al glutine. Assumo ormai quotidianamente un procinetico, ma spesso non mi aiuta. L'Helicobacter è negativo. All'ecografia epato-biliare risulta la colecisti a pareti ispessite e alitiasica. Il medico mi ha detto che non si contrae bene per secernere la bile e questo mi crea cattiva digestione con cefalea. Esistono prodotti naturali per aiutare il funzionamento della colecisti e la digestione? Specie dopo i pasti sento il bisogno di ruttare per dare un sollievo alla digestione, ma non riesco, cosa posso assumere per favorire le eruttazioni?

Disturbi digestivi anche intensi ma senza lesioni organiche allo stomaco, al fegato, al pancreas e alle vie biliari suggerisce la presenza della cosiddetta dispepsia non ulcerosa. La cura più indicata per questo distrubo è rappresentato dall'estratto di carciofo, che deve essere titolato in acido caffeilchinico al 12% minimo. La sua dose è di 200-300 mg, generalmente inseriti in compresse o in capsule, da prendere circa 30 minuti prima dei due pasti principali. Può continuare la cura anche per lunghi periodi perché la tossicità dell'estratto di carciofo è inesistente.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su