RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dimagrimento drastico e steatosi epatica"

Vorrei sapere se un forte dimagrimento potrebbe 
essere la causa di un fegato steatosico (o fegato grasso).

La steatosi epatica è caratterizzata dall’accumulo di grasso a livello del fegato. Il progressivo deposito di grasso a livello epatico si verifica quando le quantità di grassi assunti superano quelle che l’organismo riesce ad eliminare. Pertanto di solito compare in corso di obesità, diabete, abuso di alcol. Tuttavia anche una perdita di peso troppo rapida, diete dimagranti non equilibrate o la malnutrizione possono portare a questa condizione che, in questo caso, è ancora reversibile con una dieta equilibrata. In condizioni di diete eccessivamente restrittive con una perdita di peso troppo rapida si verifica un deficit nutrizionale con conseguente sviluppo di steatosi epatica. Si tratta di una condizione non frequente e piuttosto estrema, si verifica nella iponutrizione, ma anche in diete squilibrate. Il meccanismo parte dalla malnutrizione proteico—energetica, quindi da diete povere in proteine, che provoca una riduzione della sintesi delle lipoproteine circolanti, questo determina una incapacità del fegato di metabolizzare i grassi che alla fine si accumulano causando steatosi. L’indicazione è di mantenere una quantità di proteine nella dieta pari a 1 gr per kg di peso corporeo e un adeguato apporto vitaminico totale. Quindi non dipende tanto dalla velocità di calo ponderale quanto dall’equilibrio dei nutrienti presenti nella dieta.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su