Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Diete ripetute che non funzionano"

Sono una ragazza di 26 anni e peso 85 kg. Il mio problema è che ho provato tante diete fatte da esperti ma non hanno funzionato: perdevo 5 kg e ne riprendevo il doppio. I dietologi che mi hanno aiutato non sono però riusciti a capirmi dicendomi che devo solo avere costanza e fare sacrifici. Ma il mio problema va ben oltre perché sfogo nel cibo tutti i miei problemi, le mie depressioni. Alla vista degli altri sono sempre la ragazza forte e piena di vitalità, ma dentro mi sento morire perchè tutto questo mi stà creando dei problemi anche di salute.

Quello che descrive è in realtà un problema molto comune. Tuttavia, non è facile da curare perché ogni persona ha una sua storia personale, un passato, un presente e spera in un futuro migliore, che lei al momento vede come se fosse tutto nero. Il sovrappeso cronico e le ripetute diete senza successo, vanno nel tempo a creare un circolo vizioso. In pratica, più lei sta a dieta non perdendo peso e più si deprime per l’insuccesso. Diminuisce così la stima che lei ha di se stessa e aumenta l’ansia per non aver raggiunto un obiettivo che sembra facile da perseguire a chi non conosce questi problemi. Ma non è così. Infatti, come lei ben sa, non basta solo mangiare di meno. Ogni persona che comincia un percorso di salute con il primo obiettivo di perdere peso ha bisogno, oltre al dietologo, di altri specialisti esperti che la accompagnino in questo difficile cammino. In poche parole, lei oltre ad osservare la dieta prescritta dal dietologo dovrebbe consultare anche uno psicologo che possa, in accordo col dietologo, aiutarla a tirare fuori tutto quello che la deprime. Se lei non è aiutata a liberarsi di questo “peso psicologico”, nessuna dieta potrà funzionare. Anzi, se il disagio diventa molto pesante prima deve parlarne con lo psicologo e poi con il dietologo che, le ricordo, deve essere un medico specialista che è il solo a poter prescrivere una dieta dimagrante a una persona che, oltre al sovrappeso comincia ad avere problemi di salute, come lei giustamente segnala. Non si scoraggi, e chieda al suo medico di famiglia di consigliarle prima possibile uno psicologo esperto, quest’ultimo saprà poi, se tutto procede bene, consigliarle un dietologo al momento giusto. Cioè quando tutte le ansie, le paure e i pensieri grigi, saranno passati.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su