Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dieta drastica e stitichezza"

Da circa due mesi sto seguendo una dieta per perdere molti chiili. Ho eliminato 6 gg su 7 olio pane e pasta. Purtroppo io ho sempre sofferto di stitichezza, e ora, mangiando senza olio, non riesco proprio ad evacuare. Da circa 6 settimane assumo un lassativo a base di sodio picosolfato, una volta a settimana: non è che adesso il mio corpo si è abituato e non riuscirò più a farne a meno? Cosa mi consiglia per aiutare un po' il transito intestinale? Premetto che bevo già molta acqua e mangio tante verdure.

Le drastiche modificazioni nella dieta possono alterare anche l’equilibrio intestinale. I lassativi irritanti/stimolanti possono essere usati nel trattamento a breve termine della stipsi senza controindicazioni; agendo sulla motilità del colon, però, a lungo andare possono compromettere tale funzione motoria. È bene mantenere l’abitudine di un buon apporto idrico e di un’adeguato introito di fibre con l’alimentazione (circa 20-40 gr al giorno, frutta, verdura, cereali integrali, crusca). Può essere di aiuto l’utilizzo di integratori (fibra di psyllium) che fungono da agenti massa per regolarizzare l’intestino. Nel caso questi ultimi non siano sufficienti in alcuni periodi si sono dimostrati efficaci i lassativi osmotici salini, ben tollerati e privi di effetti collaterali.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su