Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Cura dell'ovaio policistico con la pillola"

Per quanto tempo devo assumere la pillola anticoncezionale per curare l'ovaio policistico? Ci sono cure omeopatiche per questo disturbo?

L'ovaio policistico è una condizione complessa in cui all'alterazione strutturale dell'ovaio ecograficamente rilevabile si accompagnano possibili problemi metabolici, inclusi resistenza all'insulina, acne, ipertricosi, aumento di peso e altro ancora. La pillola solitamente seda la sintomatologia iperandrogenica (acne, peluria abbondante, pelle grassa) ponendo a riposo l'ovaio e bloccando la perversione biochimica che fa deviare il progesterone verso il testosterone. Per quanto tempo la pillola vada assunta è difficile dire. Solitamente il consiglio è di usarla per lunghi periodi fino a quando non si desideri una gravidanza; in quel momento si porrà eventualmente il problema di aiutare una regolare ovulazione. Altro elemento terapeutico fondamentale è la dieta. Ci sono tentativi di cura omeopatica ma, poiché la policistosi ovarica è una patologia complessa, deve essere fatta da un omeopata competente, che tenga conto della situazione complessiva.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su