Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Contratture muscolari, che fare"

Parecchi mesi fa mi sono state diagnosticate dal mio medico delle contratture muscolari alla base del collo, vicino alla nuca. Dopo un breve periodo di cura con diclofenac e cerotti termici ne soffro ancora. Ci potrebbero essere altri rimedi?

Le contratture muscolari sono sempre il segno di un sovraccarico di lavoro a livello di uno o più segmenti corporei. La cura con antinfiammatori può risolvere il problema del sintomo dolore (se il problema non è di vecchia data), ma non certo la causa. Quando il corpo ci informa con il dolore e l'immobilità significa che qualcosa non sta funzionando a dovere. Credo sia assolutamente utile affrontare l'argomento con uno specialista dell'apparato muscoloscheletrico che, attraverso una visita che prevede anamnesi, valutazione clinica dettagliata e, se necessario, verifica degli esami strumentali effettuati può risalire alla causa principale di quel dolore e può, di conseguenza, impostare un piano di cura adeguato. Questo può prevedere un programma riabilitativo, capace di ripristinare la funzione del distretto muscoloscheletrico colpito e, subito dopo, trattamenti mirati affinché quella funzione si possa nuovamente coordinare con il resto del corpo (i trattamenti possone essere strumentali in caso di grosse infiammazioni: laser, ultrasuoni, jonoforesi, Tens ecc, e manuali subito dopo la fase acuta). Al termine della sessione sarà utile farsi consigliare uno sport adatto e degli esercizi da fare a casa come mantenimento.


Ha risposto Boccalandro Elena

Boccalandro

Elena Boccalandro

Terapista della Riabilitazione, Dottore in Osteopatia

Diplomata in Terapia della Riabilitazione nell’anno 1993/94 e Dottore in Osteopatia dal 1999, è regolarmente iscritta al Registro Osteopati Italiani. Dal 1994 lavora in qualità di libera professionista.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su