Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
allergie alimentari, frutta, carenze vitaminiche

Con le allergie alimentari le vitamine vanno in "riserva"

Chi non può mangiare frutta e verdura fa fatica a seguire una dieta sana ed equilibrata.

Chi non può mangiare frutta e verdura fa fatica a seguire una dieta sana ed equilibrata. Gli integratori sono un'opzione da considerare.

Un'alimentazione completa e bilanciata è lo strumento migliore per mantenersi in salute.

Purtroppo, però, le allergie alimentari possono rendere difficile il compito di garantirsi l'apporto di tutti i nutrienti necessari per il buon funzionamento dell'organismo.

Fra questi sono incluse anche le vitamine, che non potendo essere sintetizzate dall'organismo devono essere introdotte necessariamente con il cibo.

Le fonti migliori di questi micronutrienti sono la frutta e la verdura. Ricchi soprattutto di vitamina C e di carotene, precursore della vitamina A, questi alimenti rappresentano la base di un'alimentazione sana e gli esperti ne raccomandano il consumo di almeno cinque porzioni al giorno.

Questo obiettivo può essere difficile da raggiungere per quel milione di Italiani, nel 60% dei casi donne, che secondo le stime sono allergici proprio a frutta e verdura.

Pubblicità

Se pesche e albicocche scatenano gli attacchi

I frutti considerati più a rischio sono le pesche e le albicocche, fonti preziose di caroteni, ma non mancano nemmeno le situazioni in cui l'allergia è scatenata da noci e nocciole, fragole, mele, pere, kiwi e banane.

In tutti i casi l'unico modo per evitare la comparsa dei sintomi della reazione allergica è evitare il consumo della frutta che li scatena.

Continuare a mangiarla porta inevitabilmente alla comparsa di disturbi che possono essere contrastati solo con i farmaci o, nei casi più gravi di shock anafilattico, con iniezioni di adrenalina.

Il rischio che si corre è però quello di incappare in carenze nutrizionali. Uno studio condotto su bambini affetti da allergie ha ad esempio dimostrato che la loro alimentazione era povera di vitamine, in particolare di vitamina A, B1 e B2, C, D ed E.

Integratori contro le carenze

Protratte per lunghi periodi queste carenze possono compromettere la salute. I bambini allergici a due o più alimenti, per esempio, tendono a essere più bassi rispetto alla media.

Gli adulti, invece, possono avere a che fare con stanchezza, difficoltà a recuperare le energie dopo l'attività fisica, problemi nella guarigione delle ferite e capelli e unghie secchi e fragili.

Per evitare questi effetti collaterali è possibile affidarsi agli integratori alimentari.

Se è vero che in assenza di particolari condizioni di salute questi supplementi non possono sostituire una dieta varia e bilanciata, in casi come quelli delle allergie alla frutta possono aiutare a evitare che lo scarso apporto di vitamine risulti dannoso per il benessere dell'organismo.

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Pgatti
Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione
Dagostino
Marco D'Agostino
Allergologo

Articolo scritto da:
TAG
VIDEO

Multivitaminici o integratori con una sola vitamina: quale scegliere?

Integratori multivitaminici

Scopri come orientarti nel mondo degli integratori vitaminici.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su