Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Come trattate le croste della varicella"

Ho 32 anni sono incinta al 6° mese e reduce da varicella. Volevo sapere se in questa fase dell'infezione (le bolle si sono trasformate in croste) è necessario, o comunque utile, usare qualche prodotto che agevoli la caduta delle croste e che soprattutto reidrati la pelle che attualmente è molto secca, specie in viso. In questi giorni sto usando un bagnoschiuma all'avena.

Le croste della varicella cadono da sole, in tempi variabili perché le pustole non compaiono contemporaneamente; inoltre alcune sono più profonde, anche a causa di eventuali grattamenti. La cura delle croste può evitare le tipiche cicatrici sotto forma di depressioni cutanee: non è necessario ricorrere a creme antibiotiche, sono sufficienti normali prodotti ad azione cicatrizzante. Per la pelle secca consiglierei una crema idratante di qualità di quelle disponibili nelle farmacie.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su