Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Come scegliere la spirale se la prima è stata espulsa"

Un anno fa ho messo per la prima volta la spirale. Tutto bene a parte qualche dolorino durante i rapporti. Qualche giono fa ho fatto l'ecografia del primo anno: la spirale risultava dislocata verso il basso a livello istmico, quindi è stata rimossa. Il medico mi ha prescritto un'altra spirale che è solo per 2 anni e della quale ho sentito parlare un po' male. Ho chiesto se potevo inserirne un'altro tipo ma mi ha detto che l'avrei espulsa ancora più facilmente.

Il fatto che una donna espella o meno la spirale è legato a una serie di fattori che possono essere correlati alla donna e al suo utero (donna che ha partorito, donna che non è mai stata gravida, isterometria, conformazione della cavità uterina, presenza di miomi ecc.), alla spirale (dimensione, forma, elasticità, quantità del rame, quantità del levonorgestrel quando si tratti di un sistema al progestinico), all’operatore (esperienza con quel tipo di spirale, manualità) o a fattori più complessi (ad esempio rapporto tra la dimensione dell’utero e quella della spirale, rapporto tra la conformazione dell’utero e quella della spirale) e altro ancora. Peraltro i dati della letteratura non esprimono differenze sostanziali nella percentuale di espulsioni tra l’uno e l’altro tipo di spirale al rame, mentre dimostrano come il sistema intrauterino al levonorgestrel sia meno facilmente espellibile. Quindi l’eventuale scelta di riapplicare o meno una spirale e che tipo di spirale applicare va lasciato al giudizio del ginecologo anche alla luce di una serie di considerazioni che solo la sua esperienza permetterà di fare.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su