RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Candida albicans e krusei e fertilità"

Io e mio marito stiamo cercando da diverso tempo una gravidanza. Le infezioni da Candida krusei e albicans incidono sulla fertilità? Inoltre può segnalarmi qualcosa di efficace su dolore, bruciori e prurito durante i rapporti?

La Candida albicans e la Candida krusei sono tra le forme più comuni di candida responsabili di infezioni vulvovaginali. La diagnosi viene posta prelevando delle secrezioni vaginali e seminandole su appositi terreni di coltura in laboratorio, oppure semplicemente osservando il materiale vaginale fresco con il microscopio, meglio se con un microscopio a contrasto di fase. I segni della presenza di questa infezione sono classici: prurito, bruciore, perdite bianche dense, talora simili a latte cagliato, ma anche gonfiore ai genitali esterni e dolore ai rapporti. Per fortuna le specie candida non sono pericolose e non influenzano la fertilità della donna. La terapia si fa solitamente con un gruppo limitato di farmaci azolici, sia localmente sia per via generale. In questo ambito vi può essere una differenza tra la Candida albicans e la krusei che risulta a volte meno sensibile alla terapia. Pur non considerandosi la candidosi una vera e propria malattia a trasmissione sessuale è pur sempre utile una contemporanea terapia anche del partner per evitare eventuali "ping pong".


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su