Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Calcolosi della colecisti e rischio di tumopre"

Ho un calcolo alla cistifellea che in due anni è passato da 16 mm a 19 mm. Il mio medico di famiglia mi spinge per l'asportazione dell'organo, paventando il rischio di un tumore futuro. Altri medici mi dicono di intervenire solo dopo una eventuale colica, negando il rischio di cancro. Lei cosa ne pensa?

La calcolosi della colecisti rappresenta uno dei tanti fattori di rischio per il tumore della colecisti, la presenza di calcoli è stata notata tra il 70 e il 98% dei casi di carcinoma della colecisti. Il meccanismo è di tipo irritativo, i calcoli causano all'interno della colecisti un’infiammazione cronica, su base traumatica, che determina la comparsa di fenomeni di displasia; e questa è una lesione precancerosa. Tuttavia il rischio aumenta quanto più frequenti sono gli episodi di colecistite. Infatti c’è indicazione alla colecistectomia in caso di quadri di colecistiti ricorrenti, mentre i dati non giustificano, al momento, la necessità di asportare preventivamente la colecisti nei pazienti che hanno calcoli che non provocano sintomi. Il rischio di sviluppare una neoplasia nei pazienti portatori di calcolosi ma asintomatici è molto basso: circa lo 0,5-2%.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su