Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Bruciore intimo dopo i rapporti"

Volevo sapere come trattare un bruciore intimo dopo aver avuto un rapporto, non so sinceramente a cosa sia dovuto, probabilmente a un po' di secchezza. Mi è uscito anche un po' di sangue. Ho provato a mettere ossido di zinco per sfiammare, ma ogni volta che urino mi bruciano le piccole labbra e la giunzione che divide l'apparato genitale da quello escretore. Cosa posso fare affinchè mi passi il bruciore?

Un rapporto sessuale, anche nelle migliori condizioni, puo’ essere anche un generoso trasbordo di germi ed un trauma locale. Le due cose si possono associare nel creare disequilibrio dell’ecosistema vaginale, determinando in tempi piu’ o meno rapidi disturbi come prurito o bruciore vulvo-vaginale, talora anche sanguinamenti se la vagina non e’ ben lubrificata. Poiche’ il rapporto determina aumento della temperatura in un ambiente tipicamente caldo umido , la infezione che piu’ frequentemente si sviluppa a dare questi disturbi e’ la Candida (un fungo). In prima istanza puo’ essere corretto indagare con un tampone la eventuale causa batterica o fungina e trattarla di conseguenza in modo mirato. La seconda cosa da fare e’ quella di migliorare la lubrificazione vaginale, con appositi prodotti facilmente acquistabili in farmacia. Ma non bisogna dimenticare altre cause che possono essere facilitate dall’eta’, da disequilibri ormonali, da pregressi traumi del parto, ed altro ancora.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su