Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Bronchite: quando si considera cronica"

Vorrei sapere come si stabilisce se una bronchite è cronica. Quali sono i sintomi? Si devono fare degli esami diagnostici precisi o non servono? Inoltre come deve cautelarsi il paziente, nelle diverse stagioni dell'anno, affinché la bronchite cronica non si acutizzi ? Vorrei dei consigli.

Si parla di bronchite cronica quando la persona presenta una tosse cronica produttiva (con produzione di muco) per almeno 3 mesi per 2 anni successivi. Si definisce bronchite cronica ostruttiva o BPCO qualora a questo quadro si associno anche delle anomalie ostruttive a un esame chiamato spirometria. Questo accertamento andrebbe eseguito in tutti i pazienti con tosse e espettorazione cronica sopratutto se in presenza di fattori di rischio, come il fumo. Per la prevenzione è importante il riconoscimento precoce dei sintomi della riacutizzazione, è utile sottoporsi ai vaccini (antinfluenzale e antipneumococcico) e nel caso sia indicato assumere le terapie inalatorie prescritte.


Ha risposto Papazian Barbara

Papazian 1

Barbara Papazian

Pneumologa

Svolge attività ambulatoriale come Specialista Pneumologa presso l’Ambulatorio dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti di Milano.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su