Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Biancospino nell'ansia con attacchi di panico"

Sono un ragazzo di 28 anni e da 8 mesi soffro di stati ansiosi associati ad attacchi di panico tra alti e bassi. La mia vita è cambiata radicalmente (in peggio ovviamente), il medico di base mi ha prescritto bromazepam gocce da assumere mattina e sera per circa 6 mesi e alprazolam al bisogno nei casi di attacchi di panico. Solo quest'ultimo mi aiutava. Da 2 settimane sono passato al biancospino in compresse e devo dire che è l'unica cura a darmi qualche soddisfazione, perciò vorrei continuare su questa strada, magari inserendo se c’è qualcos'altro con ancora più efficacia.

Il mio consiglio è di continuare a prendere il biancospino, sotto forma di estratto secco titolato in iperoside min. 1%, alla dose di 1 capsula 3 volte al giorno (1 al mattino al risveglio, 1 alle 14:30 e 1 alle 22:30). Può continuare la cura cronicamente perché l'estratto di biancospino è ottimamente tollerato.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su