Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Battito fetale al quinto mese"

Mia sorella, al 5° mese di gravidanza è andata alla solita visita di routine. A un certo punto, il dottore si è agitato e le ha chiesto di girarsi su un lato fatto ciò si è calmato perché solo a quel punto ha sentito il battito della bambina. Mia sorella spaventata ha chiesto spiegazioni e lui ha detto che può capitare che il battito cardiaco del feto si arresti per un po' in particolari periodi di stress e che quindi deve stare solo un po' più a riposo, ma di non preoccuparsi perché è tutto nella norma. La mia domanda è ci può essere un problema che il dottore ha omesso?

Forse il medico non ha omesso alcun problema, è che a volte il battito non si riesce a sentire, perché può dipendere dalla posizione del bambino, dallo spessore dei tessuti addominali, dalla sensibilità dello strumento utilizzato. Facendo muovere la donna gravida si muove il bambino, che può cambiare posizione per cui si riesce a sentire il battito. Mettere la donna sul fianco sinistro può essere utile perché ciò facilita la circolazione placentare e di conseguenza facilita la percezione del battito cardiaco fetale.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su