RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Antiaggreganti e piante officinali"

Assumo da circa due mesi antiaggreganti piastrinici a causa di un TIA pregresso. Vorrei conoscere quali medicinali e quali alimenti, comprese bevande e tisane, non possono essere assunti in contemporanea. Ad esempio ho letto la non conciliabilità con zenzero, garcinia cambogia, the verde ecc. Corrisponde a verità?

Gli antiaggreganti piastrinici più usati sono i salicilati e la ticlopidina. Entrambi questi farmaci sono compatibili con le piante officinali, anche con quelle che possono aumentarne l'efficacia come Ginkgo biloba, uva rossa, mirtillo, the verde e i polifenoli in genere. Non ci sono rischi di sanguinamento, perché l'azione potenziante di queste piante sull'azione antiaggregante dei farmaci suddetti è comunque moderata.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su