Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Antiaggreganti e piante officinali"

Assumo da circa due mesi antiaggreganti piastrinici a causa di un TIA pregresso. Vorrei conoscere quali medicinali e quali alimenti, comprese bevande e tisane, non possono essere assunti in contemporanea. Ad esempio ho letto la non conciliabilità con zenzero, garcinia cambogia, the verde ecc. Corrisponde a verità?

Gli antiaggreganti piastrinici più usati sono i salicilati e la ticlopidina. Entrambi questi farmaci sono compatibili con le piante officinali, anche con quelle che possono aumentarne l'efficacia come Ginkgo biloba, uva rossa, mirtillo, the verde e i polifenoli in genere. Non ci sono rischi di sanguinamento, perché l'azione potenziante di queste piante sull'azione antiaggregante dei farmaci suddetti è comunque moderata.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su