Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Anoressia, magrezza e conseguenze sul ciclo"

Sono sotto peso da quando ero adolescente e, per questo, non ho avuto le mestruazioni per molto tempo. Non ci sarà più modo per me di riavere le mestruazioni dal momento che sono tanti anni che le mie ovaie sono a riposo? Il non aver avuto il ciclo per tanto tempo può andare a incidere sulla mia futura possibilità di avere figli? Il mio apparato riproduttivo è "rovinato"?

L’anoressia è una malattia psichica ed endocrinologica complessa, che coinvolge molti organi e sistemi, e può in certi casi portare anche a morte. Vi sono segni e sintomi di una certa evidenza, ma ve ne sono altri di più difficile palpabilità. Tra i segni evidenti c’è comunque la grande perdita di peso e la conseguente perdita di molte funzioni ormonali, tra cui anche l'assenza della mestruazione (amenorrea). Questa si accompagna anche ad assenza dell'ovulazione e quindi a impossibilità di gravidanza. In alcuni casi la ripresa di un peso più o meno normale, accompagnato dal recupero di un certo riequilibrio psicologico, possono determinare un ritorno del mestruo e una possibile ovulazione. Talora però il mestruo non torna comunque o, se torna, non è seguito da buona ovulazione, in particolare se l'amenorrea è durata per lungo periodo, poiché in effetti nulla passa sul nostro organismo senza lasciare un segno più o meno evidente. Si tratta dunque di situazioni complesse, di difficile soluzione, che vanno seguite sempre e solo in appositi centri specializzati.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su