Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Accentuazione della trama bronchiale e affanno"

Una radiografia recente fatta da mia moglie, che da tempo ha episodi di affanno, ha evidenziato un'accentuazione delle trame polmonari ad aspetto reticolare, da broncopatia cronica ostruttiva. Una radiografia di 3 anni fa mostrava un lievissimo ispessimento delle trame bronchiali, ritenuto di probabile natura congenita. Mia moglie ha 51 anni e non fuma. Anche a me hanno recentemente rinvenuto un modestissimo ispessimento. Da esattamente 3 anni abitiamo in una zona di Napoli non lontana dal lungomare, ma distante 100 metri da una galleria, siamo al quinto e ultimo piano. Il referto di mia moglie è preoccupante? Può dipendere dall'esposizione a più concentrazioni di smog di durata triennale?

L'accentuazione della trama bronchiale come reperto radiografico di per sè non è preoccupante. Si tende solitamente a descrivere con questo tipo di terminologia un ispessimento dei bronchi e quindi un'infiammazione, ma se sua moglie non fuma e non ha una bronchite in atto non ha nulla di cui preoccuparsi. Certo l'inquinamento non aiuta la salute dei vostri bronchi, ma per causare un danno ci vuole un'esposizione molto, ma molto più lunga. Comunque se sua moglie presenta qualche sintomo respiratorio tipo tosse o dispnea (affanno) le consiglio di eseguire una spirometria.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su