Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Abuso di decongestionanti nasali"

Ho 43 anni e, spesso, mi si chiude il naso nel periodo invernale (ma sempre senza febbre con eventualmente mal di gola associato) e uso sempre decongestionanti al fine di liberare il naso. Ma circa due anni fa dovetti subire un piccolo intervento in ospedale perché avevo le fosse nasali completamente chiuse e la sinusite e non riuscivo neanche più a sentire gli odori e profumi. Da quel giorno sono ritornato come nuovo, ma ora ricomincio a sentire il naso chiuso, devo farmi i vapori oppure mi potete consigliare un altro rimedio?

Lei è vittima di quel meccanismo perverso che ha fatto credere ai consumatori che possano esistere farmaci “innocui” perché senza obbligo di prescrizione. In realtà lo sarebbero, ma solo se correttamente usati: ma su questo punto chi controlla? L’uso dei decongestionanti nasali provoca un effetto immediato perché il farmaco stimola dei recettori sui capillari sanguigni e decongestiona rapidamente la mucosa dando quella sensazione di benessere. Questa sensazione non va però intesa come un’azione terapeuitica. I medesimi recettori reagirebbero fisiologicamente da soli, ma in tempi diversi. I decongestionanti nasali quindi vanno usati soltanto in caso di necessità e per brevissimo tempo. Dopodiché occorrerebbe attendere la reazione fisiologica al processo infiammatorio. Invece, l’uso prolungato provoca un’assuefazione dei recettori al farmaco, cosicché non sono più in grado di decongestionare fisiologicamente la mucosa. Continuando la somministrazione si può provocare il collasso della mucosa con una chiusura delle vie respiratorie che, come nel suo caso, necessita di intervento chiruirgico, sospendendo ogni tipo di farmaco decongestionante. La soluzione è di igienizzare continuamente le fosse nasali con una prevenzione continua. Lavaggi con soluzione di acqua marina, associati a rimedi omeopatici che aiutino a ripristinare gli strati della mucosa e quindi la sua funzione. In caso di necessità, per aprire la respirazione, utilizzare rimedi oleosi naturali come l’olio gomenolato più o meno medicato con mentolo e/o eucaliptolo. Si rivolga al suo farmacista.


Ha risposto Raimo Renato

Renato raimo

Renato Raimo

Farmacista perfezionato in Fitoterapia, Fitopreparatore

Dal 1992 è titolare di Farmacia. È esperto di Piante medicinali e Omeopatia ed è Fitopreparatore. Laureato alla facoltà di Farmacia dell’Università di Pisa, nel 1992 si perfeziona in Fitoterapia presso la scuola di Perfezionamento dell’Università degli studi di Siena.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su