Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"A 4 anni ha sempre la tosse"

Ho un bimbo di 4 anni e mezzo che dall'età di un anno (da quando ha iniziato l'asilo nido) ha sempre avuto problemi di tonsilliti, bronchiti, sempre caraterrizzate da tosse (praticamente va un giorno all'asilo completamente guarito e dopo un solo giorno di frequenza comincia a tossire), sempre trattato con antibiotici. Prende rame e colostro e argento colloidale, fa una volta alla settimana se non due, la stanza di sale, fa suffumigi di acque termali per 14 giorni ogni 2 mesi. Non so più cosa fare, abbiamo provato di tutto ma ha sempre la tosse; ogni tanto addirittura comincia a tossire improvvisamente di notte e va avanti per un'ora di seguito con tosse stizzosa e secca; premetto che non ha allergie.

I problemi di tosse e raffreddore sono quasi una costante nei bambini che frequentano scuole materne e asili nido. Il sistema immunitario non è completamente maturo a queste età: alcune classi di anticorpi si producono normalmente solo dopo i 6 anni. Per questo le malattie sono così facili nei più piccoli, e lunghe a guarire. La frequenza di una comunità infantile non aiuta di certo, perché passano da una malattia all’altra, tornano guariti e un altro virus sta già circolando nell’asilo. A questo si può aggiungere che i virus che causano problemi respiratori sono tantissimi e spesso mutano, così il nostro sistema immunitario non li riconosce e ci riammaliamo. In più, l’inquinamento delle zone urbane non aiuta di certo. Predispone a un’irritazione cronica delle vie respiratorie, su cui si può facilmente sovrapporre un’infezione. Stare con altri bambini è molto importante per la loro crescita intellettiva e sociale, devono imparare a interagire con gli altri prima di andare a scuola. A volte però la frequenza di malattia e di successive terapie antibiotiche è così elevata che si può valutare una sospensione temporanea dell’asilo. La situazione dovrebbe però migliorare nei mesi più caldi, quando le malattie respiratorie si riducono, e il suo bambino dovrebbe avere dei periodi più lunghi di benessere.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su